ARCHIVIO

Sustainability Channel è il canale di comunicazione verso i nostri stakeholder interessati ad uno Sviluppo Sostenibile del business.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

IL CDA DI PIRELLI & C. SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014

CRESCITA DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI

+28,5% A 192,1 MILIONI DI EURO L’UTILE NETTO SEMESTRALE

RISULTATI SOSTENUTI  DAL RAFFORZAMENTO SUL PREMIUM (+21,6% I VOLUMI), DALLA POSITIVA DINAMICA DELLA DOMANDA IN EUROPA E APAC E DAL MIGLIORAMENTO DEL PRICE/MIX (+5,3%)

INCIDENZA RICAVI PREMIUM SUL FATTURATO CONSUMER IN CRESCITA AL 56,2% (50,5% NEL PRIMO SEMESTRE 2013)

EFFICIENZE PER 48,9 MILIONI DI EURO, PARI AL 54% DEL TARGET ANNUALE

REDDITIVITA’ (MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE) IN CRESCITA AL 14,7% DAL 12,5% DEL PRIMO SEMESTRE 2013

SIGNIFICATIVO MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA’ IN RUSSIA (MARGINE EBIT ‘HIGH SINGLE DIGIT’)

NEL SECONDO TRIMESTRE GENERATA CASSA PRIMA DEI DIVIDENDI PER 187,1 MILIONI (104,3 NEL SECONDO TRIMESTRE 2013)

RISULTATI CONSOLIDATI PIRELLI

  • EBIT: +12,6% A 426,2 MILIONI DI EURO (378,5 MILIONI DI EURO AL 30 GIUGNO 2013)

  • MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE PARI AL 14,7% (12,5% AL 30 GIUGNO 2013), MARGINE EBIT PARI AL 14,3% (12,2% AL 30 GIUGNO 2013)
  • UTILE NETTO:  +28,5% A 192,1 MILIONI DI EURO (149,5 MILIONI DI EURO AL 30 GIUGNO 2013)

  • +1,8% VOLUMI COMPLESSIVI, CON VOLUMI PREMIUM IN CRESCITA DEL 21,6%
  • RICAVI: 2.986,9 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DEL 6,7%;

-3,3% RISPETTO A 3.090 MILIONI AL 30 GIUGNO 2013 INCLUSO EFFETTO CAMBI (-10,0%);

  • RICAVI PREMIUM: 1.285,1 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DEL 16,6%;

+12,7% INCLUSO EFFETTO CAMBI (-3,9%)

  • POSIZIONE FINANZIARIA NETTA PASSIVA PER 1.935,2 MILIONI DI EURO (1.965,6 MILIONI AL 31 MARZO 2014 E 1.322,4 MILIONI AL 31 DICEMBRE 2013)

ATTIVITA’ TYRE

  • EBIT: +11,1% A 434,0 MILIONI DI EURO (390,6 MILIONI DI EURO AL 30 GIUGNO 2013)

  • MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE PARI AL 15,0% (12,9% AL 30 GIUGNO 2013), MARGINE EBIT PARI AL 14,6% (12,7% AL 30 GIUGNO 2013)
  • MARGINE EBIT BUSINESS CONSUMER PARI AL 14,9% (12,4% AL 30 GIUGNO 2013)

  • MARGINE EBIT BUSINESS INDUSTRIAL PARI AL 13,6% (13,5% AL 30 GIUGNO 2013)
  • RICAVI: 2.980,8 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DEL 7,1%;

- 3,0% RISPETTO A 3.072,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2013 INCLUSO EFFETTO CAMBI (-10,1%)

***

  • MAURIZIO BOIOCCHI NOMINATO DIRETTORE GENERALE TECHNOLOGY

***

TARGET

  • CONFERMATI TUTTI I TARGET

Per effetto della sottoscrizione dell’accordo di cessione del 100% delle attività steelcord, tale business è stato classificato come “discontinued operation” e il risultato riclassificato nel conto economico nella voce “risultato delle attività operative cessate”. Gli indicatori economici relativi al primo semestre 2014  si riferiscono pertanto alle attività in funzionamento e i dati comparativi al 30 giugno 2013 sono stati oggetto di “restatement”.

Il semestre in sintesi

Milano, 5 agosto 2014 –  Il Consiglio di Amministrazione di Pirelli & C. SpA, riunitosi oggi, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2014.

I risultati del primo semestre 2014 evidenziano la crescita dei principali indicatori economici grazie al rafforzamento sul segmento Premium, al continuo miglioramento del price/mix e all’implementazione del piano di efficienze.

Nel semestre il segmento Premium ha registrato una crescita dei volumi del 21,6% (+20,9% nel secondo trimestre) a testimonianza della positiva dinamica della domanda su tale segmento, con un conseguente incremento della quota di mercato in tutte le aree geografiche.

Nei primi sei mesi del 2014 il price/mix ha registrato una crescita del 5,3% (+6% nel secondo trimestre), quale risultato del miglioramento del mix di prodotto su tutti i business e degli aumenti di prezzo nei paesi emergenti per contrastare la volatilità dei cambi.

Intanto è proseguito il piano di efficienze, con il conseguimento nel semestre di benefici per 48,9 milioni di euro, il 54% del target annuale, quali primi risultati del piano quadriennale (2014-2017) per 350 milioni di euro annunciato nel novembre 2013.

La strategia di focalizzazione sul valore e i risultati del piano di efficienze hanno contribuito al miglioramento della profittabilità: +12,6% la crescita dell’Ebit, che raggiunge nel primo semestre i 426,2 milioni di euro (~850 milioni di euro il target per l’esercizio 2014) e una redditività (Ebit margin) al 14,3%, +2,1 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2013.

I ricavi consolidati hanno registrato nel semestre una crescita organica del 6,7% a 2.986,9 milioni di euro, in particolare grazie al citato miglioramento della componente price/mix, +5,3% (+4%/+5% il target annuo). Includendo l’impatto dei cambi – negativo del 10,0% e legato al continuo apprezzamento dell’euro e alla volatilità delle altre valute – i ricavi registrano una flessione del 3,3%.

La crescita complessiva dei volumi è stata pari all’1,8%, per effetto dell’incremento del 5,1% del business Consumer e del calo del 7,4% del business Industrial. La dinamica dei volumi Industrial sconta l’elevata crescita registrata dai mercati emergenti nel primo semestre del 2013 (+16,1%, +22% nel secondo trimestre), la contrazione del mercato del Primo Equipaggiamento in Sud America e la progressiva riduzione dell’esposizione di Pirelli sul business convenzionale in tale area geografica.

I ricavi Consumer, pari a 2.288,3 milioni di euro, registrano una crescita organica del 10,3% (+1,5% al netto dell’impatto dei cambi) sostenuta dalla crescita dei volumi (+5,1%) e dal miglioramento del prezzo mix (+5,2%). Ebit a 340,1 milioni di euro in crescita del 21,4% con una redditività (Ebit margin) al 14,9%, 2,5 punti percentuali rispetto al primo semestre 2013.

La redditività del business Industrial si è mantenuta stabile, con un Ebit margin pari al 13,6% nonostante la flessione dei volumi (-7,4%) e l’elevato impatto cambi (-13,8% sui ricavi) che sono stati bilanciati dal progressivo miglioramento della componente price/mix (+5,9% nel semestre, +6,5% nel secondo trimestre) e da un minore impatto del costo delle materie prime. I ricavi Industrial si attestano nel semestre a 692,5 milioni di euro (-1,5% la variazione organica, -15,3% includendo l’impatto cambi).

A livello geografico, si evidenzia il positivo andamento del business in Europa e in Asia Pacific con una  crescita dei ricavi di circa il 10% ed una profittabilità (Ebit margin) al di sopra della media di gruppo (“mid-teen” per l’Europa, circa il 20% per l’Apac). Il Sud America, nonostante il rallentamento del mercato Industrial e del Primo Equipaggiamento Car, conferma la profittabilità “mid-teen” grazie agli aumenti di prezzo per contrastare la volatilità dei cambi, al miglioramento del mix (prodotto e canale) e al contributo delle efficienze. In Russia, in particolare, è proseguito il processo di  turnaround, con un incremento della quota di mercato – grazie all’ampliamento della gamma di prodotto e a una maggiore copertura del territorio – e una redditività positiva “high single digit”.  In miglioramento i risultati nell’area Nafta e MEAI.

La solida performance operativa e l’attenta gestione del capitale circolante hanno determinato nel secondo trimestre una generazione di cassa positiva ante dividendi per 187,1 milioni di euro (104,3 milioni di euro nel secondo trimestre 2013), con un calo dell’indebitamento netto al 30 giugno a 1.935,2 milioni di euro dai 1.965,6 milioni di euro al 31 marzo 2014, nonostante il pagamento di dividendi per 156,7 milioni di euro.

Versione PDF (123 KB)


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

RIUNITA L’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI PIRELLI & C. SPA:

• DELIBERATA LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO DI 0,32 EURO PER AZIONE ORDINARIA E 0,39 EURO PER AZIONE DI RISPARMIO

• NOMINATO IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

• VOTO FAVOREVOLE SULLA POLITICA DI REMUNERAZIONE E SUL NUOVO PIANO LTI

• APPROVATA AUTORIZZAZIONE PER ACQUISTO E DISPOSIZIONI DI AZIONI PROPRIE

***
RIUNITO IL CDA DI PIRELLI & C. SPA:

• MARCO TRONCHETTI PROVERA PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO;
ALBERTO PIRELLI VICE PRESIDENTE

L’Assemblea di Pirelli & C. SpA, riunita oggi in sede ordinaria ha approvato il bilancio dell’esercizio 2013, chiuso con un utile netto consolidato di 306,5 milioni di euro e un utile netto della capogruppo di 191,9 milioni di euro, deliberando la distribuzione di un dividendo di 0,32 euro per azione ordinaria e 0,39 euro per azione di risparmio. La data di pagamento del dividendo è il 19 giugno 2014 (stacco cedola 16 giugno 2014 e record date 18 giugno 2014).

L’Assemblea ha quindi stabilito la durata dell’intero Consiglio di Amministrazione in tre esercizi (fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016) e determinato in 15 il numero dei componenti, di cui 8 indipendenti. Il compenso annuo lordo dell’intero Consiglio è stato fissato in 1,5 milioni di euro.

Sulla base delle due liste presentate, sono stati nominati amministratori di Pirelli & C. SpA:

Marco Tronchetti Provera

Alberto Pirelli

Anna Maria Artoni (indipendente)

Luigi Piergiuseppe Ferdinando Roth (indipendente)

Paolo Fiorentino

Gaetano Micciché

Claudio Sposito

Riccardo Bruno

Piero Alonzo (indipendente)

Emiliano Nitti (indipendente)

Luciano Gobbi (indipendente)

Enrico Parazzini

tratti dalla lista c.d. di maggioranza (votata da circa il 62,14% del capitale rappresentato in assemblea) presentata da Camfin SpA, anche in nome e per conto delle controllate Cam Partecipazioni SpA e Cam 2012 SpA;

Elisabetta Magistretti (indipendente)

Manuela Soffientini (indipendente)

Paolo Pietrogrande (indipendente)

tratti dalla lista c.d. di minoranza (votata da circa il 26,48% del capitale rappresentato in assemblea) presentata da un gruppo di società di gestione del risparmio e intermediari finanziari.

I curricula degli amministratori sono consultabili sul sito Internet www.pirelli.com.

L’Assemblea ha inoltre approvato di autorizzare il Consiglio di Amministrazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie fino al 10% del Capitale Sociale e per un periodo massimo di 18 mesi, rinnovando così la precedente autorizzazione deliberata in data 13 maggio 2013.

L’Assemblea ha altresì espresso il proprio parere favorevole, con il 97% del capitale votante, sulla Politica in materia di remunerazione della Società e ha approvato – per la parte legata al Total Shareholder Return – con il 72,79% del capitale votante l’adozione del piano di incentivazione triennale 2014-2016 LTI (Long Term Incentive) già annunciato al mercato in data 28 febbraio e correlato agli obiettivi del piano industriale 2013-2017.

***

Al termine dell’Assemblea, si è riunito il nuovo Consiglio di Amministrazione di Pirelli & C. SpA, che ha nominato Marco Tronchetti Provera Presidente e Amministratore Delegato, e Alberto Pirelli Vice Presidente.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre valutato, sulla base delle informazioni disponibili e delle dichiarazioni rese dagli interessati, la sussistenza dei requisiti di indipendenza (sia ai sensi del d.lgs 58/1998 sia del Codice di Autodisciplina delle società quotate) in capo a tutti gli otto amministratori indipendenti (Anna Maria Artoni, Luigi Roth, Piero Alonzo, Emiliano Nitti, Luciano Gobbi, Elisabetta Magistretti, Manuela Soffientini e Paolo Pietrogrande).

Francesco Tanzi, Chief Financial Officier del gruppo, è stato confermato dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari.

Il Consiglio di Amministrazione ha, infine, rinviato a una prossima riunione da convocarsi la designazione del lead independent director, il rinnovo dei comitati consiliari e dell’organismo di vigilanza 231 scaduti unitamente al Consiglio che li aveva nominati.

***

Si comunica altresì che il prof. Enrico Laghi ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Sindaco effettivo della Società in quanto i numerosi impegni professionali gli impediscono di svolgere l’incarico in Pirelli con la consueta dedizione. Il Consiglio di Amministrazione e il Collegio Sindacale esprimono un sincero ringraziamento al prof. Laghi per il contributo di questi anni.

In ragione delle predette dimissioni, ai sensi di statuto è subentrato nella carica di sindaco effettivo il dott. Sebastiano Umile Iacovino, sindaco supplente appartenente alla medesima lista di quello dimissionario.

Il curriculum vitae del Sindaco Iacovino è consultabile sul sito Internet www.pirelli.com.

***

Si ricorda che la documentazione relativa al Bilancio 2013 è a disposizione del pubblico presso la sede della Società in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 e presso Borsa Italiana S.p.A. nonché consultabile sul sito internet www.pirelli.com.

Il verbale dell’assemblea sarà messo a disposizione del pubblico con le medesime modalità di cui sopra nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato entro il prossimo 11 luglio.

Versione PDF (41,4 KB)


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

IL CDA DI PIRELLI & C. SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

CRESCITA DEI PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI

+26,1% A 90,4 MILIONI DI EURO L’UTILE NETTO

RISULTATI SPINTI DAL RECUPERO DELL’EUROPA (+10,2% I RICAVI), DAL CONTINUO MIGLIORAMENTO DEL PRICE/MIX (+4,6%) E DALL’ULTERIORE RAFFORZAMENTO NEL PREMIUM (+22,2% I VOLUMI)

INCIDENZA RICAVI PREMIUM SUL FATTURATO CONSUMER IN CRESCITA AL 56,7% (50,8% NEL PRIMO TRIMESTRE 2013)

EFFICIENZE PER 27,6 MILIONI DI EURO, PARI AL 31% DEL TARGET ANNUALE

REDDITIVITA’ (MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE) IN CRESCITA AL 14% DAL 12% DEL PRIMO TRIMESTRE 2013

SIGNIFICATIVO MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA’ IN RUSSIA (MARGINE EBIT ‘HIGH SINGLE DIGIT’)

RISULTATI CONSOLIDATI PIRELLI

  • EBIT: +12,6% A 201,0 MILIONI DI EURO (178,5 MILIONI DI EURO AL 31 MARZO 2013)

  • MARGINE EBIT PARI AL 13,6% (11,8% AL 31 MARZO 2013), MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE PARI AL 14% (12% AL 31 MARZO 2013)
  • UTILE NETTO: +26,1% A 90,4 MILIONI DI EURO (71,7 MILIONI DI EURO AL 31 MARZO 2013)

  • +3,8% VOLUMI COMPLESSIVI, CON VOLUMI PREMIUM IN CRESCITA DEL 22,2%
  • RICAVI: 1.473,2 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DELL’8,0%; -2,7% RISPETTO A 1.514,6 MILIONI AL 31 MARZO 2013 INCLUSO EFFETTO CAMBI (-10,7%);

  • RICAVI PREMIUM: 639,9 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DEL 16,4%; +12,9% INCLUSO EFFETTO CAMBI (-3,5%)
  • POSIZIONE FINANZIARIA NETTA PASSIVA PER 1.965,6 MILIONI DI EURO (1.680,2 MILIONI AL 31 MARZO 2013 E 1.322,4 MILIONI AL 31 DICEMBRE 2013)

ATTIVITA’ TYRE

  • EBIT: +11,2% A 204,9 MILIONI DI EURO (184,3 MILIONI DI EURO AL 31 MARZO 2013)

  • MARGINE EBIT PARI AL 13,9% (12,2% AL 31 MARZO 2013), MARGINE EBIT ANTE ONERI DI RISTRUTTURAZIONE PARI AL 14,3% (12,5% AL 31 MARZO 2013)
  • MARGINE EBIT BUSINESS CONSUMER PARI AL 14,1% (12,2% AL 31 MARZO 2013)

  • MARGINE EBIT BUSINESS INDUSTRIAL PARI AL 13,5% (12,4% AL 31 MARZO 2013)
  • RICAVI: 1.469,5 MILIONI DI EURO, IN CRESCITA ORGANICA DELL’8,4%; - 2,4% RISPETTO A 1.505,0 MILIONI AL 31 MARZO 2013 INCLUSO EFFETTO CAMBI (-10,8%)

TARGET

CONFERMATI I TARGET 2014 ANNUNCIATI LO SCORSO MARZO

Per effetto della sottoscrizione dell’accordo di cessione del 100% delle attività steelcord, tale business è stato classificato come “discontinued operation” e il risultato riclassificato nel conto economico nella voce “risultato delle attività operative cessate”. Gli indicatori economici relativi al primo trimestre 2014 si riferiscono pertanto alle attività in funzionamento e i dati comparativi al 31 marzo 2013 sono stati oggetto di “restatement”.

Il Consiglio di Amministrazione di Pirelli & C. SpA, riunitosi oggi, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2014.

I risultati del primo trimestre 2014 evidenziano una crescita dei principali indicatori economici, che riflette il recupero della domanda in Europa già manifestatosi nell’ultimo trimestre del 2013 e il crescente positivo contributo ai risultati del segmento Premium su cui è focalizzata Pirelli. Tale crescita è stata registrata malgrado l’impatto dei cambi, legato al continuo apprezzamento dell’euro e alla volatilità delle altre valute.

I ricavi consolidati registrano nel trimestre una crescita organica dell’8% a 1.473,2 milioni di euro, in particolare grazie al progressivo miglioramento della componente price/mix, cresciuta nel periodo del 4,6% (in linea con il target +4%/+5% previsto per l’esercizio 2014). Includendo l’impatto dei cambi – negativo del 10,7% – i ricavi registrano una flessione del 2,7%.

Il recupero del mercato europeo, i cui ricavi hanno registrato una crescita del 10,2%, ha avuto riflessi positivi in particolare sul business Consumer, mentre il business Industrial ha sofferto l’impatto dei cambi derivante dalla sua forte concentrazione sui mercati emergenti. Grazie all’andamento favorevole del segmento Premium, al positivo apporto della componente prezzo/mix e al continuo programma di efficienze, entrambi i segmenti hanno registrato un significativo miglioramento della redditività, con un margine Ebit nel segmento Consumer pari al 14,1% (dal 12,2%) e nel segmento Industrial al 13,5% dal 12,4%. Complessivamente, l’Ebit post oneri di ristrutturazione è cresciuto del 12,6% a 201,0 milioni di euro, con un margine Ebit in miglioramento al 13,6% dal precedente 11,8%. Ante oneri di ristrutturazione, la redditività si è attestata al 14%, con un incremento di due punti percentuali del corrispondente periodo 2013.

Le efficienze, in particolare, si sono attestate nel trimestre a 27,6 milioni di euro (31% dell’obiettivo annuale di 90 milioni di euro), quali primi risultati del piano di efficienze quadriennale (2014-2017) di 350 milioni di euro annunciato nel novembre 2013; conseguite attraverso progetti di ‘decomplexity’ e in particolare di razionalizzazione dell’utilizzo delle materie prime.

In relazione al segmento Premium i ricavi sono stati pari a 639,9 milioni di euro, con una crescita organica del 16,4% (+12,9% incluso l’impatto cambi, negativo per -3,5%) rispetto all’anno precedente e con un peso sul fatturato Consumer pari al 56,7% (50,8% del primo trimestre 2013). Tale segmento di business ha registrato rispetto al primo trimestre 2013 una crescita sostenuta sia nei paesi emergenti (+14,7%) sia nei mercati maturi (+12,4%), anche grazie alla ripresa nell’area Europa.

I volumi complessivi sono aumentati del 3,8%, con volumi Consumer in crescita del 5,9% e volumi Industrial in calo del 2,2%. Questi ultimi scontano l’elevata crescita registrata dai mercati emergenti nel corrispondente periodo dello scorso anno (+15,3%) e la progressiva riduzione sul business convenzionale in Sudamerica.

Da segnalare il positivo l’andamento in Russia, dove i ricavi – escludendo l’effetto dei cambi – hanno registrato un aumento del 5,4% e la redditività si è attestata a livelli “high single digit”.

Pirelli

A livello consolidato, i ricavi al 31 marzo 2014 sono pari a 1.473,2 milioni di euro, con una crescita organica dell’8% rispetto al corrispondente periodo del 2013. Includendo l’impatto negativo del 10,7% legato ai cambi, i ricavi registrano una riduzione del 2,7% rispetto ai 1.514,6 milioni di euro del primo trimestre 2013.

Il margine operativo lordo (EBITDA) ante oneri di ristrutturazione è pari a 277,3 milioni di euro, in crescita del 9,6% rispetto ai 253,0 milioni di euro del corrispondente periodo 2013.

  • Il risultato operativo (Ebit) è pari a 201,0 milioni di euro, in crescita del 12,6% rispetto ai 178,5 milioni di euro del corrispondente periodo precedente. Il miglioramento del risultato operativo (+22,5 milioni di euro) riflette:
  • il positivo contributo dei volumi (+24 milioni di euro);
  • il crescente apporto della componente price/mix (+39,3 milioni di euro) grazie al miglioramento del mix (crescita del Premium) ed agli aumenti di prezzo nei paesi emergenti;
  • efficienze per 27,6 milioni di euro (31% del target annuale);
  • minori costi delle materie prime (+7,9 milioni di euro);
  • il miglioramento del risultato operativo dei business minori (+1,9 milioni di euro);

che hanno più che compensato:

  • l’impatto negativo dei costi di produzione (-29,5 milioni di euro);
  • la volatilità dei cambi di consolidamento (-19,2 milioni di euro l’impatto sull’Ebit);
  • l’incremento degli ammortamenti e degli altri costi (-27,2 milioni di euro) e dei costi di ristrutturazione (-2,3 milioni di euro).

Il margine Ebit – espresso in termini di incidenza sulle vendite – è cresciuto nel primo trimestre 2014 al 13,6%, rispetto all’11,8% registrato nel corrispondente periodo 2013. Il margine Ebit ante oneri di ristrutturazione è pari al 14% rispetto al 12% al 31 marzo 2013.

Il risultato da partecipazioni al 31 marzo 2014 è negativo per 13,8 milioni di euro (-6,6 milioni di euro nel corrispondente periodo 2013), pressochè interamene riferito agli effetti derivanti dal consolidamento con il metodo del patrimonio netto dei risultati del quarto trimestre 2013 della collegata Prelios, annunciati nel mese di aprile.

L’utile netto è pari a 90,4 milioni di euro, in crescita del 26,1% rispetto ai 71,7 milioni di euro del corrispondente periodo 2013, dopo oneri finanziari netti pari a 43,3 milioni di euro (58,0 milioni nel corrispondente periodo 2013). L’utile netto di competenza di Pirelli & C. Spa, comprensivo del risultato delle “discontinued operation”, ammonta a 89,7 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto ai 72,9 milioni di euro del corrispondente periodo 2013.

Il patrimonio netto consolidato al 31 marzo 2014 è pari a 2.500,8 milioni di euro rispetto ai 2.436,6 milioni di euro del 31 dicembre 2013. Il patrimonio netto consolidato di competenza di Pirelli & C. SpA ammonta a 2.441,6 milioni di euro, rispetto ai 2.376,1 milioni di euro del 31 dicembre 2013.

La posizione finanziaria netta consolidata è passiva per 1.965,6 milioni di euro (il dato include i 50,9 milioni di euro relativi alle “discontinued operation” delle attività steelcord) rispetto ai 1.680,2 milioni di euro del corrispondente periodo 2013 e ai 1.322,4 milioni di euro del 31 dicembre 2013. Il debito lordo è pari a 2.468,0 milioni di euro, sostanzialmente invariato rispetto ai 2.476,6 milioni di euro del corrispondente periodo 2013.

Il flusso netto di cassa della gestione operativa nel primo trimestre 2014 è stato negativo per 474,6 milioni di euro (-316,8 milioni di euro nel corrispondente periodo precedente), essenzialmente per effetto della consueta stagionalità del capitale circolante, e dopo investimenti per 65,3 milioni di euro (79,7 milioni di euro nel primo trimestre 2013). Il flusso netto di cassa complessivo è stato negativo per 643,2 milioni di euro (-475,0 milioni di euro del primo trimestre 2013) di cui circa 50 milioni di euro relativi all’impatto sulla posizione finanziaria netta della variazione dei cambi – specialmente in relazione alla posizione in Venezuela.

I dipendenti del Gruppo al 31 marzo 2014 sono pari a 38.529 unità (37.846 al 31 marzo 2013).

Versione PDF (140 KB)



1 - 3 di 326