Sustainability Channel

  • Share on:
  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

Archivio

Sustainability Channel è il canale di comunicazione verso i nostri stakeholder interessati ad uno Sviluppo Sostenibile del business.

  • Share on:
  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

IL CONTRIBUTO PIRELLI SUL GLOBAL OPPORTUNITY EXPLORER DELLE NAZIONI UNITE


Ieri, 26 Aprile, durante la Conferenza Annuale del Global Compact delle Nazioni Unite tenutasi a Nuova Delhi, è stata ufficialmente lanciata la Global Opportunity Explorer Platform.

Si tratta di un progetto di Sustainia, DNV GL e UN Global Compact creato per condividere centinaia di soluzioni sostenibili e opportunità di business che si ricollegano agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Gli SDGs si trovano al centro delle soluzioni aziendali presentate all’interno del Global Opportunity Explorer, riconoscendo l’importante ruolo delle aziende nel raggiungimento di un mondo più sostenibile entro il 2030.

Pirelli ha contribuito al progetto presentando la business solution “Sustainable Rubber Tapping that Improves Livelihoods” principalmente collegata agli SDGs 4-Istruzione di Qualità, 8-Lavoro Dignitoso e Crescita Economica e 15-La Vita sulla Terra.

Il Natural Rubber Sustainability Program, attivato in Indonesia con Kirana Megatara, è stato sviluppato per diffondere la conoscenza delle migliori tecniche di coltivazione degli alberi della gomma ed estrazione del prodotto, permettendo ai coltivatori di ottenere stipendi più elevati riducendo, al contempo, il tasso di deforestazione associato a pratiche non sostenibili.

Clicca qui per approfondire la business solution d Pirelli sul Global Opportunity Explorer Platform

Clicca qui per retwittare della news su Twitter


  • Share on:
  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

POLLICI ALZATI PER IL CAR SHARING ECOLOGICO


Il car sharing è noto da quando gentili automobilisti hanno iniziato ad assecondare la semplice richiesta di speranzosi autostoppisti che scarabocchiavano il nome della loro destinazione, spesso con errori ortografici, su cartelli improvvisati.

Oggi il car sharing è molto differente. Non si tratta più del concetto che chi dispone di maggiori mezzi aiuta i meno abbienti; si tratta piuttosto di intere comunità, dalle case automobilistiche alle amministrazioni locali, che si accordano e organizzano per condividere flotte di automobili perfettamente efficienti. Oltre ad essere un grande business. Secondo Navigant Research i ricavi globali derivanti dai servizi di car sharing ammonteranno a 34,6 miliardi di dollari (circa 32 miliardi di Euro) da oggi al 2024.

Il motivo di tale impennata è di facile comprensione. Condividere l’automobile significa condividere anche i costi di proprietà, compresi il prezzo di acquisto, il bollo, l’assicurazione, la revisione, i parcheggi e la manutenzione. Il risparmio sulle spese generali significa, ovviamente, che ci si può permettere momenti di puro “lusso automobilistico”. Girare per negozi a bordo di un’auto Prestige? Un’auto cabrio gommata Pirelli?

Continua a leggere su Pirelli.com


  • Share on:
  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

Pirelli Cina premiata da Great Place to Work® Institute e 51jobs.com

Durante la quinta edizione dei premi organizzati dal Great Place to Work® Institute, Pirelli è stata premiata, per il secondo anno consecutivo con il premio “Best Companies to Work for in Greater China”.

Alla selezione hanno partecipato 137 aziende appartenenti a 9 diversi settori industriali e rappresentanti più di 200.000 dipendenti.

Sempre a Dicembre, Pirelli ha inoltre conseguito l’“Excellence in Corporate Training” award, riconosciuto da 51jobs.com, agenzia leader del recruiting online in Cina; durante la cerimonia di consegna, a Pirelli è stato contestualmente consegnato il premio “100 Excellence Employer China of 2016”.

Marco Di Pierri, Direttore HR della regione APAC ha dichiarato: “Siamo orgogliosi e onorati dei riconoscimenti ottenuti; siamo un brand orientato al lungo termine e i nostri 11 anni in Cina sono solo l’inizio. Continueremo a seguire le best practice internazionali e considerare al contempo le caratteristiche locali, per continuare ad attirare, sviluppare e trattenere i talenti, motivando il pieno potenziale dei dipendenti e creando valore per l’azienda e la comunità locale”.