road

Un chiodo fisso
per pneumatici da neve e ghiaccio

Manto stradale ghiacciato o innevato è la tipica situazione a cui i pneumatici chiodati devono far fronte

Home road Un chiodo fisso
per pneumatici da neve e ghiaccio
Un chiodo fisso
per pneumatici da neve e ghiaccio

Panorami e strade non presenti a tutte le latitudini, ma che caratterizzano i mesi invernali dei Paesi del nord Europa, di buona parte della Russia e alcune aree del Canada. Sono gomme con veri e propri artigli quelli che vengono montati in queste zone, per garantire aderenza e prestazioni sul ghiaccio o neve. I pneumatici della gamma Pirelli Ice Zero sono prodotti per queste finalità ed unire aderenza, comfort di guida, una bassa rumorosità, un’ottima frenata e una perfetta trazione, per tutte le auto, dalle tradizioni sedan alle supersportive e i suv, aggiungendo un basso impatto sull’ambiente dove vengono impiegati.

Un chiodo fisso per pneumatici da neve e ghiaccio 01

CHIODI E TECNOLOGIA

Se si pensa a come è una normale gomma stradale, si comprende facilmente quale sia la difficoltà tecnica e l’unicità che presentano i pneumatici chiodati. Il processo d’inserimento dei chiodi nella gomma richiede una tecnologia specifica, che possa garantire la stabilità dei chiodi durante l’utilizzo del pneumatico e al tempo stesso le migliori performance di grip e trazione. Il chiodo ha il compito di creare attrito con la superficie stradale e ci sono altri elementi che ne valorizzano l’efficacia. In particolare, la sede che ospita il chiodo all’interno del battistrada è decisiva per trasferire l’attrito al pneumatico, quindi è necessaria una mescola non troppo morbida per migliorare la ritenzione del chiodo stesso. Invece, la disposizione dei chiodi sulla superficie della gomma garantisce il giusto bilanciamento fra esigenze spesso contrastanti, come le prestazioni in trazione o frenata e il contenimento del rumore di rotolamento. Grazie a un intenso lavoro di progettazione, gli ingegneri Pirelli sono riusciti a mettere a punto un pneumatico con 190 chiodi innestati sulla superficie della gomma, passando attraverso a un processo di sviluppo con simulazioni 3D, che hanno consentito di valorizzare la frenata e massimizzare la sicurezza, dando così vita alla gamma Pirelli Ice Zero 2.

Un chiodo fisso per pneumatici da neve e ghiaccio 02

RICERCA E TEST ESTREMI

Grazie alle nuove tecnologie digitali è possibile ottimizzare i tempi di sviluppi di questi pneumatici e adeguarsi velocemente alle evoluzioni della tecnologia delle auto attraverso processi di modeling e simulazioni computerizzate, che permettono anche di prevedere nei dettagli il comportamento del chiodo per mantenere ottime performance in condizioni di neve, anche profonda, situazione tipica nelle regioni per cui il prodotto è dedicato. Ma non è solo simulazione digitale che viene impiegata. Parte fondamentale della strategia di messa a punto di un pneumatico chiodato Pirelli è la realizzazione di test reali su proving ground. Ad esempio al Passo del Tonale, il più vicino alla sede R&D di Pirelli a Milano, e Flurheden in Svezia, con oltre 20 chilometri di piste su neve e ghiaccio, dove a ogni stagione si possono effettuare oltre 100 giorni di test, per più di 25.000 chilometri e con oltre 30.000 pneumatici.

Un chiodo fisso per pneumatici da neve e ghiaccio 03
Continua a leggere
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Want more
road