life

Il Calendario Pirelli 2016 celebrato alla Biennale di Mosca

Parla Olga Sviblova, Direttrice del Museo della Arti Multimediali di Mosca

Home life Il Calendario Pirelli 2016 celebrato alla Biennale di Mosca
Il Calendario Pirelli 2016 celebrato alla Biennale di Mosca

Ospitare il Calendario Pirelli per noi del Museo d'Arte Multimediale di Mosca (The Moscow House of Photography Museum) è un onore. Ma è soprattutto una scelta. Che abbiamo cominciato a portare avanti dal 2005 quando abbiamo portato in mostra il meglio di 40 anni del Calendario Pirelli, nella sezione dedicata al costume internazionale e alla moda internazionale nella Biennale di Fotografia. È stato un successo. Non avevamo dubbi sulla forza mediatica di questo contenuto editoriale e artistico, ma ci ha fatto piacere constatare che non solo il grande pubblico, ma anche i veri appassionati di fotografia, hanno apprezzato la nostra scelta espositiva.

Show more images

È nato così un percorso: ogni anno portiamo a Mosca l’edizione corrente di The Cal™. È qualcosa di perfettamente coerente con le nostra scelte museali. Infatti vale la pena ricordare che dal 1964, quando il primo calendario Pirelli è stato rilasciato in Inghilterra, un dream team di fotografi di fama mondiale ha lavorato sui calendari. Newton Helmut, Peter Lindbergh, Sarah Moon, Norman Parkinson, Herb Ritts, Richard Avedon, Bruce Weber, Mario Testino, Nick Knight , Patrick Demarchelier, Annie Leibovitz per citare alcuni nomi di fotografi che hanno segnato le tappe dell’affermazione del Pirelli come icona. In più, quasi tutti questi fotografi hanno tenuto mostre personali presso il nostro museo di Mosca. Così, quando mostriamo le loro opere per Pirelli è un po’ come se ricordassimo ai nostri visitatori che le nostre scelte hanno una coerenza e sono frutto di un progetto condiviso a livello globale.
 
Quest'anno Art Museo Multimediale di Mosca, nell’anno del ventennale della Biennale di Fotografia, ragiona anche intorno a una delle sue tematiche cardine: il concetto di Identità. E il tema che viene affrontato molto bene anche nel lavoro, che siamo orgogliosi e onorati di poter esporre, realizzato da Annie Leibovitz. Certo, si tratta di una dei fotografi più rinomati e famosi del mondo. Non a caso nel 2000 il museo ha tenuto una mostra retrospettiva di questa autrice. Ma, il suo taglio di questo specifico Calendario ci ha entusiasmato. Nel suo nuovo lavoro per Pirelli è riuscita a trasmettere in un solo momento forza, carattere, stile di vita e la mentalità delle donne che possono cambiare il mondo. C’è qualcosa di eroico in queste fotografie.
 
Nel mondo si discute ampiamente sulla nuova visione della bellezza femminile. Vengono abbandonati gli stereotipi che hanno reso le donne rispondenti solo al bello in senso standard. Abbiamo iniziato ad apprezzare di più la bellezza naturale di una donna e la sua individualità. Questo non è solo un cambiamento dei canoni estetici, ma anche un diritto acquisito da parte delle donne che sono sempre più attivamente coinvolte nella vita sociale, politica, economica , nella scienza nella cultura. 
 
Nell'ultimo calendario Pirelli tutto è importante: la scelta dei personaggi che dimostrano i diversi ambiti della vita sociale in cui le donne stanno prendendo l’iniziativa; e l'unità di visione che percepiamo guardando i loro ritratti.
 
Annie Leibovitz si è dimostrata una brillante maestra di composizioni complesse, che fonde perfettamente i costumi e il trucco delle sue eroine. Ha scelto il massimo, semplicità ascetica nel suo ultimo lavoro per il Calendario Pirelli. I ritratti in bianco e nero su uno sfondo dello studio appaiono semplici. Il fotografo è riuscito a catturare l'idea principale: la forza individuale e la capacità di prendere decisioni e di raggiungere gli obiettivi fissati. Non ha mortificato, anzi, ha fatto emergere di più il fascino femminile.

Olga Sviblova                                                                                                                           Olga Sviblova è direttrice del Multimedia Art Museum di Mosca (MAMM), fondatrice della Biennale di fotografia di Mosca e può essere annoverata tra le figure più influenti della cultura russa contemporanea. Nata a Mosca, dove ha concluso il suo dottorato in Psicologia dell’Arte e iniziato la sua carriera – attualmente vive tra Parigi e la sua città natale.  E’ stata autrice nonchè direttrice di documentari pluri premiati, curatrice di centinaia di mostre di artisti russi in tutto il mondo, direttrice artistica di numerosi festival internazionali di fotografia e responsabile – nel 2007 e nel 2009 – del padiglione russo alla Biennale di Venezia.

Continua a leggere
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Want more
life