road

Quanti chilometri può
percorrere una gomma?

Dal tipo di terreno ai comportamenti del guidatore sono molteplici le variabili che influenzano la longevità di un pneumatico. Ecco come farli durare più a lungo

Home road Quanti chilometri può
percorrere una gomma?
Quanti chilometri può
percorrere una gomma?

Quando si parla di auto e di consumi, la risposta non può che essere una: dipende. Vale in tema di carburanti, ma anche e soprattutto quando si tratta di pneumatici. Se tuttavia si può stimare con una certa approssimazione quanti chilometri si riescono a percorrere con un litro di benzina, gasolio, gas (o un kW di energia elettrica), è ben più complesso stimare la durata di un treno di pneumatici. Perché se in linea di massima una simulazione in laboratorio può fornire alcune risposte, nella guida quotidiana sono numerose le variabili che intervengono facendo saltare ogni previsione.

I numeri delle statistiche europee

In realtà esistono statistiche su scala europea che indicano come la media sia compresa tra i 25 e i 50.000 km per chi di norma applica uno stile di guida normale, con punte che possono raggiungere i 75.000 in caso di andature tranquille, ma si può anche scendere sotto i 10.000 km se non si rinuncia a sfruttare tutto ciò che l'auto è in grado di offrire. Quindi, anche se in linea di massima le gomme sono progettate per durare tra i 40 e i 50 mila km, la realtà può riservare grosse sorprese.

Cinque elementi impossibili da valutare

Gli elementi che riescono a influire sulla resa chilometrica sono almeno cinque. Il tipo di auto innanzitutto, visto che la potenza, la coppia e l'impianto frenante sono determinanti. Ma conta anche lo stato di salute del veicolo, poiché una vettura sottoposta a una regolare manutenzione risulta decisamente più “gentile” con i quattro pneumatici. Non bisogna poi dimenticare che il peso ha un ruolo importante: la massa dell'auto, alla quale si aggiungono le condizioni di carico. Un particolare che non può essere sottovalutato è rappresentato dal tipo di strada che si percorre, dato che l'autostrada è un terreno più favorevole di un percorso urbano o composto prevalentemente di curve e tornanti. E non certo di secondaria importanza è il tipo di asfalto.

Le dimensioni? Contano eccome

C'è poi da considerare che un ruolo importante è svolto dalla tipologia di pneumatico utilizzato, con notevoli differenze tra modelli con vocazione turistica, sportiva o invernale, solo per citare i principali. Infine sono da considerare le dimensioni, perché a parità di auto e di condizioni di guida, due pneumatici con diametri e sezioni differenti possono arrivare a fine vita con chilometraggi sensibilmente diversi. 

Obiettivo 50.000 km

È evidente che quattro pneumatici di una citycar sono in partenza avvantaggiati rispetto a quelli che equipaggiano un'auto con caratteristiche sportive, o comunque più pesante. Queste ultime necessitano di coperture con un'impronta a terra più ampia, che equivale a una maggiore tenuta, ma anche a un attrito ben superiore. Ma attenzione, perché la potenziale durata di oltre 50.000 km che è alla portata di un veicolo a misura di città può essere vanificata da una serie di comportamenti poco virtuosi, destinati a ridurre anche più del 50 per cento la durata.

I comportamenti che fanno la differenza

L'elenco è vario, si va dalla non corretta pressione di gonfiaggio all'assetto non ideale, che determinano un'usura irregolare e accelerata del battistrada, che dai circa 8 mm di profondità di un gomma nuova raggiunge ben presto il limite di 1,6 mm. La differenza può essere fatta anche da quelle situazioni tipiche della guida in città, a cominciare dalle manovre di parcheggio effettuate sterzando da fermi, con un forte attrito tra l'asfalto e la gomma. Con quello caratteristico delle strade di montagna, l'ambiente metropolitano è senza dubbio il più penalizzante per un treno di gomme, a causa dei continui cambi di direzione, accompagnati da ripetute accelerazioni e frenate. L'habitat più favorevole per un battistrada è chiaramente quello autostradale, dove la velocità costante e la presenza di lunghi rettilinei assicurano condizioni molto vicine a quelle dei test di laboratorio.

Continua a leggere
Storie Correlate
Product info
Tutto il meglio della tecnologia Pirelli
SCOPRI WINTER SOTTOZERO3
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Vai al configuratore
road