road

Pirelli P Zero: lo pneumatico delle Star

Da James Bond a Uma Thurman, da Jamiroquai a Naomi Campbell. Ecco tutti i personaggi famosi che hanno scelto lo pneumatico più famoso

Home road Pirelli P Zero: lo pneumatico delle Star
Pirelli P Zero: lo pneumatico delle Star
Show more images

Il P Zero è il pneumatico più famoso al mondo. Nessuna sorpresa, quindi, che nel corso degli anni sia stato messo alla prova da alcune grandi star. Eccone alcune tra le più famose: personalità iconiche che saranno sempre indissolubilmente legate a un altrettanto iconico pneumatico. Perché, dopotutto, la potenza è nulla senza controllo.

1. La Aston Martin DB10 di James Bond (Spectre)
«Il nome è Zero. P Zero». Se potessero parlare, è senz’altro questa la frase con cui si presenterebbero i pneumatici che permettono all’agente 007 di lanciarsi all’inseguimento del cattivo di turno e di avere sempre la meglio nelle sue fughe rocambolesche. Negli anni, James Bond ha guidato moltissime auto (addirittura più di 100), ma l’ultima è la DB10, un esemplare unico creato per il film Spectre che anticipa la DB11 attesa a breve sul mercato. Numerosi pneumatici Pirelli sono stati maltrattati durante la produzione del film e l’azienda ha provveduto alla fornitura di dotazioni originali per Aston Martin e i suoi clienti più esigenti, come 007. Bond ha guidato diverse Aston Martin in film della serie, tra cui la Vanquish (La morte può attendere) e la DBS (Quantum of Solace). In totale, le Aston Martin sono presenti in 12 dei 14 film di James Bond.

2. La Lamborghini Gallardo di Uma Thurman (Mission Zero)
Mission Zero è un corto di otto minuti con tre protagonisti: Uma Thurman (la celebre interprete di Kill Bill), la sua Lamborghini Gallardo gialla e i pneumatici Pirelli P Zero. Nel film, che ha richiesto una lavorazione di 10 giorni a Los Angeles (e dove, sennò?), Uma deve sfuggire con ogni mezzo a una banda di misteriosi killer che vogliono ucciderla e sono proprio i pneumatici P Zero a fare letteralmente la differenza tra la vita e la morte. È un classico driving film d’azione nello spirito di Un appuntamento di Claude Lelouch, con Uma che guida a velocità folle nelle strade di Los Angeles. Ce la farà? Per scoprirlo bisogna guardare il film.

3. La Ferrari LaFerrari verde di Jay Kay (Jamiroquai)
Pirelli ha realizzato una serie di pneumatici P Zero personalizzati per la Ferrari LaFerrari quando la supercar del Cavallino Rampante è stata lanciata nel 2013, mentre il frontman dei Jamiroquai ha voluto per la sua un colore tutto particolare, ossia «verde Kermit la Rana», anche se in realtà l’idea è nata dal fatto che voleva un’auto intonata con il verde della bandiera italiana. Insieme al rosso delle luci posteriori e al bianco dei fari, è l’omaggio perfetto alla tecnologia automobilistica italiana di cui Pirelli si fa interprete. «Volevo comunicare un’idea attraverso la macchina, e questo le dà l’unicità che davvero merita», ha spiegato Jay, il cui vero nome è Jason Cheetham.

4. Il pneumatico P Zero GP2 da 18 pollici di Martin Brundle
Come la Ferrari LaFerrari verde di Jay Kay, sono un prototipo anche i sorprendenti pneumatici P Zero da 18 pollici montati su una vettura da corsa GP2 portata in pista da Martin Brundle in occasione del Gran Premio di Monaco del 2015. Questi prototipi P Zero sono stati progettati per indicare la possibile direzione futura che potrebbe seguire la Formula Uno, oltre a dimostrare la capacità di Pirelli di creare un pneumatico dedicato ad alte prestazioni praticamente per qualsiasi utilizzo. Nel 2014, Pirelli aveva già presentato un pneumatico da 18 pollici su una monoposto di Formula Uno, con la Lotus ai test ufficiali di F1® di Silverstone a seguito del Gran Premio di Gran Bretagna. Ma è stata la combinazione fra pneumatici da 18 pollici e le affascinanti strade di Monaco ad attirare davvero l’attenzione di tutti.

5. La Ferrari F40 più cara del mondo 
La storia del pneumatico P Zero è cominciata nel 1987, con pneumatici creati appositamente per la Ferrari F40, un’auto veramente rivoluzionaria. Con un motore 3000 di cilindrata sovralimentato con due turbocompressori e un peso di appena 1100 chilogrammi, la F40 era un autentico missile. Spaventa pensare che scaricava a terra tutta la sua potenza senza alcun controllo della trazione e quando i moderni sistemi elettronici di controllo della stabilità ancora non esistevano. Ci voleva quindi un pneumatico assolutamente speciale, ed è così che è nato il P Zero. L’anno scorso, una F40 originale in tutte le sue parti è stata battuta all’asta per il prezzo record di 1 milione e 120 mila euro, con all’attivo solo 7000 chilometri percorsi con i suoi pneumatici P Zero.

6. La Lamborghini Aventador di Kanye West
«Lamborghini Mercy, your chick she so thirsty, I’m in that two-seat Lambo with your girl, and…» Nell’interesse della pubblica decenza, sorvoliamo sul resto della strofa del successo di Kanye, Mercy, che in un primo tempo si doveva intitolare «Murci», in omaggio alla Lamborghini Murcielago. Di questi tempi, il bolide di Kanye («boss whip», per dirla nel linguaggio del rap) è una Aventador, gommata con pneumatici P Zero di serie. Per meglio dire, tutte le Lamborghini prodotte dal 1963 in poi montano Pirelli. Con Kanye che ha venduto oltre 32 milioni di album e raggiunto 100 milioni di download digitali, i pneumatici P Zero montati sulla sua Aventador nero opaco diventano le gomme più famose del mondo.

7. La Bentley Bentayga – il SUV più veloce del mondo
Arriva a 301 km/h ed è un SUV. Sono questi i due dati incredibili che distinguono dalla massa il SUV più veloce del mondo e hanno lasciato senza parole il pubblico del Motor Show di Ginevra che ha assistito alla sua presentazione nel 2015. Per arrivare a queste incredibili velocità, che gli hanno garantito una fama immediata, il Bentyaga è equipaggiato con enormi pneumatici P Zero da 22 pollici. Ora la Formula Uno avrà qualcosa su cui riflettere.

8. P Zero Silver – il primo pneumatico da strada derivato direttamente dalla F1®
Fedele al tema «Formula Uno» – di cui Pirelli è fornitore esclusivo dal 2011 – l’azienda ha prodotto nel 2012 il primissimo pneumatico da strada derivato direttamente dalle gare di F1®. Il P Zero Silver, che reclama il proprio posto nella storia quale ulteriore esempio di come la società utilizza il motorsport per definire il prodotto da strada, si è avvalso del know-how legato alla Formula Uno per riprodurre alcune caratteristiche della mescola dura utilizzata nel massimo campionato, mettendo l’accento sulla durata e le prestazioni costanti sulle lunghe distanze. È stato quindi progettato per le grandi berline sportive che percorrono oltre 20.000 chilometri l’anno: un prodotto davvero unico. 

9. La Pagani Zonda di Lewis Hamilton
Il tre volte campione di Formula Uno ha diverse belle macchine in garage, ma una delle più famose è la Pagani Zonda viola, un’altra auto che monta esclusivamente pneumatici Pirelli. Le prestazioni garantite da questo binomio sono tali che nel 2010 una Zonda R gommata con pneumatici P Zero ha stabilito il record sul giro di un’auto di serie sul leggendario Nürburgring. La Zonda di Hamilton vive a Monaco e si chiama 760LH, perché è stata costruita apposta per lui.

10. Il Pirelli P Zero Nero «rosso» di Naomi Campbell
Naomi Campbell non è forse famosa per le sue prodezze al volante, ma sarà sempre associata al nome P Zero per le foto del 2006 legate alla campagna degli orologi. E basta questo per fare del Pirelli P Zero Nero di colore rosso il pneumatico più desiderabile mai prodotto.

11. Il piede P Zero di Carl Lewis
Lewis Hamilton ha ricevuto il proprio nome in omaggio a Carl Lewis, ammiratissimo da suo padre e protagonista della campagna pubblicitaria Pirelli più famosa su scala mondiale. Sulla scia del successo dell’immagine «la potenza è nulla senza controllo» – in cui (Carl) Lewis è raffigurato ai blocchi di partenza con ai piedi un paio di décolleté rosse con tacchi a spillo –, l’atleta è poi comparso in uno spot televisivo del 1990 in cui corre e salta lungo lo skyline di New York e infine si arrampica sulla Statua della Libertà. Il segreto si scopre solo alla fine: ha la pianta dei piedi a forma di battistrada Pirelli. Senza dubbio i pneumatici P Zero più straordinari del mondo.

12. La Ford Mustang 1965 da gimcana di Ken Block
I video delle gimcane di Ken Block sono quelli che riscuotono il maggior successo al mondo, con l’americano che controsterza e supera in derapata ogni sorta di ostacolo urbano, oltre a disegnare cerchi sull’asfalto a mo’ di ciambelle fino a far fumare le ruote. Nel 2014, Block ha creato l’unica Ford Mustang del mondo con un motore di 6700 centimetri cubi, 850 cavalli e quattro ruote motrici basandosi su un un modello del 1965 gommato con pneumatici P Zero e ne ha fatto la star del Gymkhana 7 (con oltre 32 milioni di visualizzazioni su YouTube).

13. La Ford Fiesta RS da WRC di Valentino Rossi
Quando si parla di eroi dello sport, nessuno è più grande del Dottore. Oltre a dominare la Moto GP, Valentino è anche un pilota provetto sulle quattro ruote nonché quattro volte vincitore del Rally di Monza, un evento che ha fatto suo negli ultimi anni. Uno dei segreti del suo successo sono i pneumatici da rally P Zero che lo hanno aiutato a battere alcuni dei piloti più forti del circuito WRC.

14. La Maserati GranTurismo MC Stradale di Lionel Messi
Il bomber del Barcellona, giudicato da molti il miglior calciatore del mondo, possiede parecchie auto. Ma una di quelle che usa di più è la Maserati Gran Turismo MC Stradale (a proposito, tutte le sue macchine sono bianche). L’auto monta pneumatici Pirelli P Zero di serie che garantiscono il massimo comfort tanto per il gran turismo quanto per le alte velocità.

Continua a leggere
Storie Correlate
Product info
Tutto il meglio della tecnologia Pirelli
SCOPRI WINTER SOTTOZERO3
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Vai al configuratore
road