road

Nel nome di Ayrton

La McLaren Senna è omologata per la circolazione stradale ma ha sempre le gomme calde per scendere in pista

Home road Nel nome di Ayrton
Nel nome di Ayrton

Certo, la base tecnica della McLaren Senna è la “sorella minore” 720S, ma il lavoro di affinamento compiuto dai tecnici di Woking ha dato vita ad un’auto che va decisamente oltre. Di certo è capace di varcare i cancelli degli autodromi più impegnativi e dare battaglia fra i cordoli. Così come faceva l’indimenticabile pilota che le ha dato il nome: Ayrton Senna. Una leggenda della Formula 1, il più veloce in gara e il più amato dal pubblico. Ed ora si è conquistato l’ultimo titolo, la consacrazione definitiva nella storia grazie alla McLaren Senna.

Show more images

Dalla 720S eredita il motore V8 biturbo da 4 litri ma la potenza cresce fino a 800 CV. Per lei niente ibrido, com’era stato sulla P1, pure prestazioni meccaniche: cronometro alla mano, significa scattare da 0 a 100 in 2,8 secondi e raggiungere una velocità di punta di 340 km/h. Merito anche del peso piuma: i 1.198 kg la pongono fra le più leggere hypercar del mercato, a livello delle mitiche degli anni Ottanta e Novanta dove però non c’erano le regole di oggi e alleggerire era più semplice. Completano il pacchetto un cambio a doppia frizione con 7 rapporti, trazione posteriore, freni carboceramici, le Pirelli P Zero Corsa ed un’elettronica sopraffina. Al guidatore è data la possibilità di modificare il carattere della McLaren Senna attraverso un manettino con tre posizioni (Comfort, Sport, Track), così da contenere l’esuberanza dell’auto su strade bagnate o nella guida di tutti i giorni fino permetterle di scatenarsi in pista.

La nuova McLaren Senna si inserisce nel capitolo delle Ultimate Series. Prima di lei l’ibrida P1: nata nel 2013 abbinava al motore termico uno elettrico che assieme la portavano a superare i 900 CV totali. Ne risentiva, però, il peso che sfondava il muro dei 1.500 kg. Ma l’origine di questa nobile stirpe inglese è stata la McLaren F1. Un capolavoro firmato da Gordon Murray negli anni Novanta e all’epoca era l’auto stradale con motore aspirato più veloce di sempre: il V12 di origine BMW erogava “solo” 670 CV ma con i suoi 1.100 kg era capace di prestazioni incredibili. A caratterizzarla, inoltre, la scelta di creare tre posti nell’abitacolo: quello di guida, centrale e avanzato, dietro i due per i passeggeri.

Di Senna ne saranno realizzate soltanto 500. E, chi l’ha già guidata, dice che Ayrton sarebbe stato fiero del lavoro compiuto dalla sua amata McLaren.

Leggi il resto
Storie Correlate
Product info
Tutto il meglio della tecnologia Pirelli
Scopri il nuovo P Zero
Find & Buy
Scegli il prodotto perfetto per te
Vai al configuratore
road