road

Le dimensioni della ruota:
quanto influenzano
le prestazioni dell’auto?

Nel settore automotive si parla sempre molto delle dimensioni delle ruote

Home road Le dimensioni della ruota:
quanto influenzano
le prestazioni dell’auto?
Le dimensioni della ruota:
quanto influenzano
le prestazioni dell’auto?

Usiamo volutamente il termine “ruota” in quanto il discorso che facciamo finisce per coinvolgere tutti gli elementi che compongono questa fondamentale parte delle nostre auto, dal cerchio in lega allo pneumatico, in tutte le sue caratteristiche di spessore, spalla, battistrada e così via. Spesso e volentieri, però, sui media di settore si fa un discorso più estetico che tecnico, finendo per dimenticare che le dimensioni generali delle quattro ruote non sono una questione solo di look, ma finiscono per influenzare in maniera significativa anche le prestazioni, la velocità e i consumi del motore del veicolo. Un discorso importante quindi non solo per le supercar, ma anche per le normali vetture che circolano ogni giorno sulle nostre strade (moto, auto, etc...).

Show more images

In quale modo, però, la dimensione delle nostre ruote ha impatto sulle prestazioni dell’auto e sulla guida? Proviamo a spiegarlo con un esempio pratico: dobbiamo cambiare le ruote ad una Fiat 500 e le gomme scelte dal proprietario sono le Pirelli Cinturato P1 da 185/55 R15. Prima di tutto ricordiamo cosa significano questi numeri: il primo, nel nostro esempio 185, è la larghezza dello pneumatico espressa in millimetri. Il secondo, 55, è il rapporto dell’altezza della spalla rispetto alla larghezza della gomma espresso in percentuale. La “R” indica il metodo di costruzione radiale, mentre 15 sono i pollici con cui si misura il diametro del cerchio. Per poter comprendere meglio le influenze delle dimensioni della ruota sulle prestazioni occorre calcolare con precisione il diametro totale della stessa. Per fare questo dobbiamo utilizzare la seguente formula:

2x((larghezza gomma x percentuale altezza spalla)/100) + (diametro del cerchio in mm)

Proseguendo con il nostro esempio, quindi, la semplice operazione matematica da eseguire sarebbe la seguente:

2x((185x55)/100) + 381

Dove 381 mm è la semplice conversione nel sistema metrico decimale di 15 pollici. Il risultato sarà esattamente di 584,5 mm, ovvero la larghezza totale della nostra ruota. 

Torniamo così alla nostra domanda: quanto queste misure hanno influenza sull’auto?
Occorre tenere conto che durante la progettazione di un’auto, gli ingegneri lavorano a stretto contatto con i produttori di pneumatici per capire esattamente quali misure siano montabili su un dato mezzo e, di conseguenza, regolare la rapportatura del cambio. Per poter fare un paragone, possiamo quasi considerare il diametro totale della ruota come se fosse la lunghezza del rapporto finale del cambio. Il suo aumento porterà ad incrementare anche il rapporto finale, le cui conseguenze dirette sono essenzialmente due: un abbassamento delle capacità di accelerazione, bilanciato però da una maggiore velocità massima. Naturalmente questi cambiamenti sono direttamente proporzionali con la variazione delle misure. Pochi millimetri di differenza avranno delle conseguenze quasi impercettibili sulle nostre auto, mentre cambi più radicali potranno comportare modifiche ben più sensibili.

Vi è però un altro elemento da considerare: aumentare il diametro delle ruote comporterà per forza di cose anche un aumento del peso del treno nel suo complesso. Questo naturalmente porterà ad una maggiore inerzia, ad un’ulteriore perdita di accelerazione e anche ad una minore precisione in curva. Anche il comportamento della vettura potrebbe cambiare: un innalzamento del diametro della gomma porterà, ovviamente, ad un aumento dell’altezza del telaio, con un conseguente aumento del baricentro e, come effetto diretto, del rollio e delle oscillazioni. 

Anche la larghezza del battistrada, comunque, può avere influenze se aumentata. Una misura maggiore di questo parametro, infatti, contribuisce soprattutto ad aumentare l’attrito. Questo, da un lato, ha un effetto positivo, ovvero l’aumento della tenuta di strada. Al tempo stesso, però, aumenterà la resistenza al rotolamento.

Cambiare dimensione dei pneumatici, procedura e regolamenti
Con l'approvazione del decreto 20/2013, entrato in vigore il 10 ottobre 2015, le dimensioni dei pneumatici indicate all'interno del libretto di circolazione non sono più un tabù invalicabile. Oggi è infatti possibile personalizzare le ruote e i cerchioni in utilizzo, così come gran parte degli accessori in dotazione, con altre di dimensioni diverse da quelle previste dalla casa costruttrice a un costo non troppo esoso.

Una volta scelta la marca di pneumatici che si vuole montare è necessario consultare il sito del produttore o rivolgersi a un rivenditore autorizzato, e verificare quali tra i modelli disponibili possono essere montati sulla propria vettura.

Attraverso un sistema di omologazione nazionale i produttori possono omologare certi cerchi su specifiche auto con misure non previste dalla casa costruttrice. Solitamente insieme ai cerchi in vendita viene fornita una gamma di misure di pneumatici alternativi tra cui poter scegliere in base ai propri gusti ed esigenze: i radiali montati su una 4x4 abituata a strade impervie o coperte di neve saranno diversi da quelli montati su veicoli più aerodinamici adatti a un amante delle corse e degli sport.

Per facilitare la scelta diversi costruttori hanno reso disponibili dei veri e propri simulatori che, partendo dal modello dell'auto, forniscono le varie opzioni disponibili, danno consigli e indirizzano l'utente alla scelta per lui ottimale.

Per ogni modello di cerchione disponible vengono inoltre indicati una serie di indici e parametri che lo caratterizzano (peso in kg, pressione ottimale, indice di carico, etc.), questi valori possono naturalmente variare a seconda che si prendano in considerazione pneumatici estivi, pneumatici invernali, o quelli adatti a tutte le stagioni (i cosiddetti all season).

Una volta scelti cerchi e pneumatici non resta che rivolgersi a un gommista o un'officina di fiducia che, dopo aver sostituito i pneumatici attualmente in uso con quelli nuovi, si recherà in motorizzazione per far riportare sul libretto le nuove misure.

Non appena sarà avvenuta la sostituzione si dovrà applicare all'interno del libretto un apposito tagliando e tenere sempre a bordo del veicolo sia il certificato di conformità del produttore che quello che attesta l'avvenuto montaggio ad opera del gommista.

Vogliamo comunque concludere specificando una cosa: in questo articolo abbiamo semplicemente esposto cosa potrebbe accadere cambiando misura alle gomme. Se questo sia conveniente o meno per il proprietario dell’auto è una valutazione assolutamente soggettiva, che al massimo potrebbe essere influenzata dal vostro gommista di fiducia e con qualche test. Un’auto particolarmente potente, infatti, non verrà influenzata in maniera significativa da un aumento delle dimensioni delle ruote e il ritorno estetico potrebbe enormemente valere questo prezzo. Senza contare che se l’obiettivo è quello di aumentare la velocità di punta, come già detto, allora il cambio di gomme adempierà egregiamente al suo scopo, sempre tenendo in mente che variazioni di poche decine di millimetri difficilmente porteranno a differenze significative. Ricordate, infine, che un aumento delle dimensioni delle ruote avrà comunque influenza sul tachimetro, per forza di cose omologato solo per le ruote di primo equipaggiamento. Per verificarlo, ricordate sempre che le velocità segnate dai navigatori GPS rimangono in media più affidabili di quelle mostrate sulla strumentazione di bordo, specie su auto più datate.

Continua a leggere
Storie Correlate
Product info
Tutto il meglio della tecnologia Pirelli
Scopri il nuovo P Zero
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Vai al configuratore
road