road

Dove è nata l'automobile: le 5 città pioniere che hanno iniziato a produrre auto

Germania, Stati Uniti, Francia, Italia e Uk hanno tutte un territorio che ha dato il via alla storia della 4 ruote e che valgono una gita, magari proprio a bordo della propria auto

Home road Dove è nata l'automobile: le 5 città pioniere che hanno iniziato a produrre auto
Dove è nata l'automobile: le 5 città pioniere che hanno iniziato a produrre auto

L'industria dell'automobile ha influito sullo sviluppo del mondo sin dai suoi albori, contribuendo alle invenzioni tecnologiche, alla globalizzazione e al progresso. Anche oggi, con le sfide poste dall'ambiente e dalla crisi climatica, non si può prescindere dal contributo dei produttori dell'automotive per cambiare il nostro futuro. Intere città e nazioni sono state, dall'Ottocento in poi, rivoluzionate a livello urbanistico, economico e sociale dall'avvento delle macchine e dal loro sviluppo: abbiamo scelto cinque luoghi simbolo in cui tornare per vedere da vicino la nascita dell'automobile moderna.

Alla scoperta delle 5 città dove è nata l’automobile - Mannheim, Germania

Mannheim, Germania

Il 3 luglio 1986 l'ingegnere e imprenditore Karl Benz non aveva scelto uno scenario molto originale o fastoso per introdurre al pubblico la Patent Motorwagen: la presentazione di questa auto a tre ruote consisteva in un breve giro su Ringstraße a Mannheim, vicino a Stoccarda. Una scena abbastanza comica peraltro, visto che, mancando un serbatoio vero e proprio, suo figlio Eugene Benz aveva dovuto inseguire la vettura a piedi per ricaricare continuamente il carburante.

Eppure quell'auto, depositata con il brevetto numero 37.345, è stata la prima della storia ad avere il motore a scoppio, tanto da poter essere considerata a tutti gli effetti la prima automobile moderna. Si dice che a Benz (la cui azienda, dopo varie fusioni, forma oggi la Mercedes-Benz) l'idea di creare un mezzo di trasporto su ruote alternativo ai cavalli fosse venuta girando su un velocipede, antesignano delle biciclette.

Il primo di questi, la draisina, era stato brevettato da Karl Christian Ludwig Drais von Sauerbronn (era un aristocratico) proprio a Mannheim. Gli abitanti di questa città, oggi cuore pulsante del Baden-Wurttemberg, centro universitario, culturale e importante polo economico, possono quindi vantarsi di aver visto nascere sia la bicicletta che l'automobile. Tutte queste invenzioni, compresa la Patent Motorwagen, sono visibili al Techno Museum. I parchi e la vita notturna sono due altri buoni motivi per passare da Mannheim.

Alla scoperta delle 5 città dove è nata l’automobile - Torino, Italia

Torino, Italia

La Topolino, la Torpedo e la 1100 R sono solo alcuni degli iconici modelli della Fiat a essere stati collaudati sul tetto del Lingotto, dove dal 1923 sorge il rivoluzionario autodromo, una vera e propria pista tra le nuvole. Torino e la Fiat sono la scenografia e l'attore protagonista della storia automobilistica italiana e il Lingotto rappresenta bene la tensione al progresso e al cambiamento del capoluogo piemontese.

Dove un tempo c'erano officine e operai, oggi, dopo la riconversione del complesso e la ristrutturazione guidata da Renzo Piano, ci sono i volumi del Salone del Libro, un auditorium, una pinacoteca e tantissimi altri servizi. Torino è ancora uno dei principali poli industriali e il primo centro automobilistico italiano, ma oggi ha tantissimo da offrire, dal cinema all'arte, passando per una scelta enogastronomica, sportiva e culturale davvero invidiabile.

Alla scoperta delle 5 città dove è nata l’automobile - Detroit, Stati Uniti

Detroit, Stati Uniti

Non esiste un posto al mondo dove l'automobile e le sue innovazioni siano indissolubilmente legati al suo destino come Detroit, in Michigan, soprannominata non a caso Motor City. Certo, Detroit significa anche Art déco, graffiti, musica (con la casa discografica Motown hanno inciso i loro successi Marvin Gaye, Steve Wonder, i Jackson Five) e altri stimoli di un luogo capace negli ultimi anni di reinventarsi dopo la crisi dell'automotive.

Ma qui hanno sede i tre colossi americani (Ford, General Motors e Fca) e qui ha avuto origine la vera industria automobilistica, da quando nel 1903 Henry Ford ha fondato la Ford motor company in Mack Avenue e cinque anni dopo ha lanciato la Ford Model T, la prima auto di massa, prodotta in grandissima serie grazie alla catena di montaggio.

Per rivivere quel clima di fervente progresso ci sono due luoghi da non perdere: il Greenfield village, il distretto in cui Ford ha raccolto edifici come il laboratorio di Edison (amico dell'imprenditore e autore del sistema di accensione della Model T) e il magazzino dove i fratelli Wright hanno progettato il primo aereo; e il Detroit institute of arts dove l'artista messicano Diego Rivera, compagno anche di Frida Kahlo, ha dipinto i Detroit industry murals, una serie di affreschi sull'industria della Ford motor company e della città in generale, nei primi anni '30.

Alla scoperta delle 5 città dove è nata l’automobile - Coventry, Gran Bretagna

Coventry, Gran Bretagna

Nel 1896, mentre a Bretton Wood, nel sud inglese, Walter Arnold prendeva la prima multa della storia per eccesso di velocità (andava a 6 miglia orarie, e il limite era due), Henry John Lawson, anche lui formatosi nel mondo delle biciclette, fondava a Coventry la prima casa automobilistica britannica, la Daimler motor company. In quella zona, nel cuore dell'Inghilterra, sono nate del resto quasi tutte le auto del Regno Unito: dalle Daimler e le Jaguar della casata reale dei Windsor, ai tradizionali black cab (oggi ibridi) di Londra, fino alle lussuose e velocissime Aston Martin di James Bond.

Quello che era Detroit per gli Stati Uniti, Coventry lo era per la Gran Bretagna (non a caso veniva chiamata da alcuni la British Detroit). Una macchina in particolare lega a doppio filo queste due città, e non si tratta di un modello qualunque, ma della leggendaria DeLorean Dmc-12, su cui Doc e Marty McFly ritornavano al futuro. Prodotta dalla DeLorean motor company di Detroit, veniva costruita in Irlanda del Nord, a Belfast, ma il quartier generale europeo della compagnia, oltre che l'ufficio acquisti dell'azienda, si trovava proprio a Coventry.

Alla scoperta delle 5 città dove è nata l’automobile - Puteaux, Francia

Puteaux, Francia

In molti conoscono Puteaux per le sue architetture avveniristiche, su tutte il Grande arche, simbolo del famoso centro direzionale sorto negli anni '50 sulle rive della Senna, a pochi passi da Parigi. Ma questa cittadina francese era all'avanguardia sin dal secolo precedente, da quando nel 1883 Jules-Albert De Dion, George Butone e Charles Trepardoux avevano fondato la De Dion, Bouton et Trepardoux in Paris (poi diventata solo De Dion-Bouton, con l'addio del terzo socio).

È una delle prime case automobilistiche europee, una vera e propria industria, che per i primi dieci anni produceva auto a vapore, tra le quali la Marquise, probabilmente la più vecchia auto al mondo ancora funzionante (parte ancora, e pochi anni fa è stata venduta all'asta per quasi 5 milioni di dollari). Dopo aver percorso la Parigi-Versailles con la Marquise, nel 1907 due auto della De Dion-Bouton raggiunsero un traguardo ben più impegnativo, riuscendo a completare, guidate da due operai dell'azienda, la prima edizione della Pechino-Parigi (anche se la vincitrice della corsa, l'Itala 35/45 Hp, era arrivata da ormai venti giorni).

Continua a leggere
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Want more
road