race

America’s Cup: con le World Series si inizia a fare sul serio

Definito il calendario che porterà gli AC75 a fronteggiarsi in mare. Si parte da Cagliari, poi Regno Unito e infine Nuova Zelanda

Home race America’s Cup: con le World Series si inizia a fare sul serio
America’s Cup: con le World Series si inizia a fare sul serio

Adesso si fa sul serio: si regata, si impara a conoscere il nuovo AC75, si lavora per vincere. Sulla rotta per l’America’s Cup 2021, arrivano le World Series: non sono novità all’interno del calendario dell’evento più prestigioso della vela ma questa volta rivestono un significato maggiore, a partire dal fatto che saranno l’occasione di vedere in azione la nuova classe AC75, che gli addetti ai lavori hanno definita rivoluzionaria. C’è molta attesa su questo fronte, perché un conto è vedere le barche in allenamento da vicino o sui video, un altro è allinearle sulla partenza. Già questo garantisce spettacolo per il pubblico. Ma soprattutto sarà anche un momento fondamentale per i team che avranno la possibilità di misurare le loro performance e capire in che posizione si trovano rispetto agli altri. Saranno cinque: i detentori di Emirates Team New Zealand, Luna Rossa Prada Pirelli Team, i britannici di Ineos Team UK, gli statunitensi di Stars & Stripes Team Usa e American Magic.

Show more images

L’attesa a Cagliari 

La prima tappa delle World Series è fissata a Cagliari, dal 23 al 26 aprile. Se è importante per tutti gli equipaggi dell’America’s Cup, per il team Luna Rossa Prada Pirelli, lo è ancora di più visto che l’ha scelta come propria base. «Cagliari ci consente di navigare più di 200 giorni l’anno, il che è un aspetto fondamentale per noi – spiega Max Sirena, skipper e team director - La città è stata anche scelta dalla Nazionale Italiana di Vela per la preparazione in vista di Tokyo 2020, il che è un segnale forte della qualità di questo posto. Tuttavia Cagliari è anche una città internazionale capace di ospitare 100 membri del team provenienti da tutto il mondo, con alti standard per quanto riguarda scuole e servizi» E sarà un evento da non perdere anche per la qualità del campo di gara (o ancora meglio “campo di regata”). «Ad aprile il meteo può variare a seconda che ci siano perturbazioni intorno all’isola o meno – prosegue Sirena - se ci sono condizioni di alta pressione, avremo una brezza di mare che soffia da 150-160 gradi ed è, in quel periodo, intorno ai 10-12 nodi. Se ci sarà una situazione di bassa pressione potremmo anche avere venti più forti, generalmente di Maestrale. Ciò di cui siamo sicuri è che la Sardegna garantirà condizioni eccezionali per le regate».

Portsmouth, tempio anglosassone

Dal 4 al 7 giugno, la carovana delle World Series farà tappa a Portsmouth: un tempio della vela anglosassone, sede di grandi e storiche regate, seguitissime dal pubblico, come il giro del mondo in equipaggio dell’epoca migliore. Quando nel 2015 e nel 2016, si disputarono le precedenti World Series - sul lungomare di Southsea – si arrivò a quota 250mila spettatori. Portsmouth è anche la base di Ineos Team UK, la sfida britannica guidata da un mito della vela quale Sir Ben Ainslie. «Non vediamo davvero l'ora di gareggiare di nuovo davanti al nostro pubblico – ha detto lo skipper e team manager della sfida -  è splendido che Portsmouth sia stato scelta come una delle due sole località fuori dalla Nuova Zelanda, dove le persone possono ammirare gli AC75 in azione. Siamo certi che le regate offriranno un vero spettacolo».

Nel golfo della vela

Da un tempio all’altro. La terza tappa delle World Series si svolgerà ad Auckland dal 17 al 20 dicembre. Nella capitale neozelandese – e nella Nazione in genere – si coltivano due riti: quello del rugby e quello della vela. Quindi c’è una grande attesa per l’evento che sostanzialmente sarà l’ultimo test in vista della Prada Cup (Challenger Selection Series) – le prove utili a scegliere lo sfidante – e in seguito della 36a America’s Cup. Si regaterà nel golfo di Hauraki, location che è stata già sede della Regata per eccellenza: nel 2000 quando i padroni di casa superarono Luna Rossa e nel 2003 quando invece dovettero cedere la ‘Vecchia Brocca’ agli svizzeri di Alinghi. Gli organizzatori sono già al lavoro per creare il Race Village nel cuore della città così da regalare agli appassionati un vero ‘parco giochi’ per soddisfare tutte le loro curiosità veliche. E non lontano ci saranno le base dei team, a partire da quella di Luna Rossa Prada Pirelli Team, che si trova a Hobson Wharf. Ci sarà da divertirsi, come a Portsmouth e Cagliari.

Continua a leggere
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Want more
race