life

Benvenuti in una nuova era industriale

La presenza dell'Internet of Things è percepita in ogni aspetto dell'industria globale. Joji Sakurai sostiene che l'integrazione di tutti i suoi dati porterà presumibilmente all'innesco di un progresso radicale del potenziale di crescita economica

Home life Benvenuti in una nuova era industriale
Benvenuti in una nuova era industriale

Dreamcatcher è una piattaforma sperimentale sviluppata da Autodesk, azienda di software della Silicon Valley, che permette ai designer di prodotti di inserire specifici requisiti funzionali e di ricevere una serie di soluzioni da valutare in tempo reale, soluzioni che saranno trasformate in prodotti per la casa in stabilimenti dove la produzione è “smart”.

Questa è solo una delle ultime frontiere nella nuova rivoluzione industriale che promette di essere ancora più impattante rispetto a quella che, nel XIX secolo, diede una nuova forma al mondo. Questa rivoluzione prende il nome di Industrial Internet of Things (IIoT), un termine che include tutti gli ecosistemi digitali e che collegherà stabilimenti di produzione, prodotti, servizi e processi, permettendo di comunicare tra loro e con noi, attraverso Internet.

In particolare, l'Internet of Things (IOT) - che in italiano si traduce in "Internet delle cose" - è quel processo dell'industria 4.0 che, nel campo dell'informatica e delle telecomunicazioni, si riferisce all'estensione del mondo digitale nel contesto di oggetti e luoghi concreti.

L'internet of Things quindi è una possibile trasformazione del modo in cui oggi viene utilizzata la Rete. Ogni oggetto che ci circonda può acquisire una sorta di cyber intelligenza riuscendo a comunicare big data su sé stesso e a comprendere le informazioni inviate dagli altri.

Questo tipo di tecnologia è applicabile in settori diversi, dalla medicina alla vita domestica, dallo sport alle imprese. Le categorie di oggetti che diventano protagonisti della comunicazione in rete possono essere smartphone, macchinari, impianti, macchine, app, apparecchiature, impianti e sistemi, materiali e prodotti tangibili, attrezzature.

Tutti questi oggetti connessi nello spazio di Internet si distinguono per funzione e proprietà. Le più importanti sono identificazione, connessione, automazione, localizzazione, elaborazione e monitoraggio di dati, capacità di interagire con l’ambiente esterno.

Come l’internet of Things può trasformare il futuro dell'industria

Personalizzazione all'ennesima potenza 
La creazione immediata e al contempo ottimizzata dell'oggetto contemplata da Dreamcatcher, sarà molto utile nei i processi produttivi, mano a mano che i prodotti prendono vita dopo essere usciti dalla fabbrica. Collegati su Internet, diranno ai loro ideatori come i prodotti sono utilizzati e permetteranno agli utenti di suggerire miglioramenti di ogni singolo componente. I dati raccolti con questa modalità, idealmente anche da milioni di abitazioni, potrebbero poi essere scomposti da un supercomputer negli specifici requisiti funzionali che il  product designer potrebbe poi inserire in Dreamcatcher. Il risultato sarebbe perciò la produzione di un flusso costante di prodotti regolarmente migliorati e personalizzati. 

Uno scenario così sorprendente potrebbe essere una delle molteplici e infinite applicazioni dell'IIoT che permeeranno ogni singolo aspetto dell'industria globale, dalla produzione di automobili alla manutenzione delle raffinerie di petrolio, dalla programmazione del trasporto aereo alla creazione delle relative rotte. L'integrazione di tutti i possibili processi aziendali su Internet, sfruttando la potenza del Cloud computing e dell'intelligenza artificiale (AI), sarà un progresso radicale nel potenziale di crescita economica, non diverso dalla modalità con cui il motore a vapore riuscì ad offrire percorsi impensabili verso prosperità e innovazione.

Tra i vantaggi principali c'è infatti quello relativo alle opportunità di business. L'Internet of Things infatti potrebbe diventare un facile strumento di successo per tutte le imprese del settore dell’innovazione che intendono creare tecnologie sempre più smart, mettendo in rete quantità sempre maggiori di dati e informazioni.

“L'adozione di prima fase dell'IIoT potrebbe contribuire ad aumentare la produttività fino al 30 percento,” spiega Accenture, azienda di consulenza globale in un suo recente report. “L'aumento dell'efficienza (operativa) dell'1 percento annuo potrebbe aggiungere trilioni di dollari al PIL globale nel corso dei prossimi 20 anni.”

Previsione dei guasti 
Una delle applicazioni e dei vantaggi più importanti dell'IIoT è la manutenzione preventiva. In maniera non troppo diversa dai “Precog” del film del 2002 Minority Report, che erano in grado di prevedere il momento in cui una persona stava per commettere un crimine, ma forse con un numero minore di annessi dilemmi filosofici, queste tecnologie sono in grado di prevedere i guasti tecnici prima che si verifichino, migliorando così l'efficienza di apparecchiature e macchinari. 

I guasti delle apparecchiature rappresentano uno dei costi principali dell'economia aziendale poiché implicano perdite non previste e ritardi, anche di mesi, dei piani di produzione. Analogamente, le aziende non vogliono spendere risorse preziose per controlli di manutenzione ordinaria, se questi non sono necessari. L'IIoT sfrutta numerosi modelli e strumenti, tra cui sensori che rilevano variazioni minime di temperatura, calore e vibrazione, per avvisare in maniera precisa su un guasto imminente, prima che questo si verifichi, e ridurre pertanto la necessità di ispezioni periodiche.

Korean Air collabora con la piattaforma di cognitive computing IBM Watson per revisionare la modalità con cui le proprie flotte sono sottoposte a manutenzione  . Il cervello artificiale, che utilizza l'apprendimento automatico e l'elaborazione del linguaggio naturale per ragionare e comunicare in maniera simile all'uomo, si affianca al personale addetto alla manutenzione di Korean Air per offrire spunti su come risparmiare milioni di dollari e migliorare l'esperienza dei passeggeri. Watson scompone dati originati nel corso di decenni, come note tecniche, registri di eventi non di routine e cronologie degli incidenti in volo, tutti basati sull'esperienza umana, per presentare una lettura intelligente del momento in cui un velivolo deve essere sospeso dal servizio per essere sottoposto a riparazioni. Il personale addetto alla manutenzione può sostituire un componente in maniera proattiva prima che il suo guasto diventi un problema reale, obbligando il velivolo a restare a terra e causando i tanto detestati ritardi nei voli aerei.

Procedure aziendali ottimizzate 
Ecco alcune ulteriori applicazioni dell'IIoT: 

Misuratori intelligenti: le società che distribuiscono elettricità, gas ed altro possono misurare i consumi in tempo reale attraverso sensori IA (intelligenza artificiale). I misuratori intelligenti consentono l'applicazione di prezzi competitivi tramite i dati contabili in tempo reale; offrono ai clienti informazioni precise relative ai propri consumi energetici e rendono superflua l'attività di lettura dei consumi da parte di tecnici.

Gestione dell'inventario: conoscere esattamente la posizione dei vostri prodotti nella supply chain offre immense possibilità di ottimizzazione dei processi aziendali, sia in termini di abbattimento dei costi, che a livello di soddisfazione dei clienti. L'IIoT dà potere alle aziende, permettendo loro di velocizzare i tempi di risposta, implementare la cosiddetta produzione "just-in-time" e ridurre l'accumulo di prodotti nel magazzino.

Maggiore forza lavoro: presto i dipendenti addetti alla produzione saranno dotati di dispositivi indossabili che forniranno loro l'accesso immediato a dati quali condizione delle apparecchiature e fornitura del materiale, potenziando l'efficienza e lasciando le mani libere per potere lavorare. Oltre a ciò, le persone collaboreranno con i robot per ottimizzare la performance. 

I giorni in cui si credeva che l'Internet of Things fosse un modo con cui chiedere al frigorifero di accendere le luci in casa e di preparare il caffè la mattina sono andati. Le applicazioni casalinghe, per quanto innovative, sono solo la punta dell'iceberg di una rivoluzione industriale nella quale miliardi di dispositivi saranno connessi tra loro in tutto il mondo. L'IIoT sarà in grado di portare questi prodotti sul mercato alla velocità della luce, di regolare le emissioni di anidride carbonica per proteggere il nostro pianeta, di ottimizzare gli inventari in modo da non essere mai sprovvisti dei farmaci che ci servono, e di riparare gli aeroplani prima ancora del guasto, in modo da evitare ritardi e non perdere neppure una riunione di lavoro. Il mondo viene trasformato sotto ai nostri occhi, e la sua fucina è l'Industrial Internet of Things.

Continua a leggere
Storie Correlate
Product info
Tutto il meglio della tecnologia Pirelli
SCOPRI WINTER SOTTOZERO3
Find
Scegli il prodotto perfetto per te
Vai al configuratore
life