Sustainability Channel

Sustainability Channel è il canale di comunicazione verso i nostri stakeholder interessati ad uno Sviluppo Sostenibile del business.


  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

Pirelli Tyre per la tutela ambientale


Verranno interamente compensati i 20.201 Kg di CO2 emessi nel 2009 dall’attività del Campo Prove Pirelli di Vizzola Ticino. Nell’ambito dei programmi di miglioramento individuati dal sistema di gestione ambientale, certificato Iso 14001 dal gennaio 2005, Pirelli Tyre ha infatti stipulato un accordo con Lifegate per valutare, ridurre e compensare le emissioni generate in pista.

Pirelli sosterrà la creazione e tutela di 26.936 mq di foresta in Italia, nel Parco del Ticino, e di 5.014 mq in Madagascar. Queste genereranno crediti di carbonio a compensazione totale delle emissioni prodotte a Vizzola Ticino, pista prove utilizzata dalla Sperimentazione Pirelli e dalle case automobilistiche per attività di testing, oltre che dalle scuole di pilotaggio e dagli enti organizzatori di manifestazioni legate al mondo dell’automotive.

Questa iniziativa fa parte di Impatto Zero@ di Lifegate, il primo progetto italiano che concretizza gli intenti del Protocollo di Kyoto, quantificando

l’impatto ambientale di attività, aziende, prodotti e persone e aiutando a ridurre e compensare le emissioni di CO2 con la creazione e tutela di nuove foreste in Italia e nel mondo.   


  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

Pirelli inaugura in Turchia “la fabbrica dei campioni”

Nel 2010 in Turchia previsti ricavi per 500 milioni di euro

in crescita di oltre il 25% rispetto al 2009

Negli ultimi 10 anni investiti nel polo di Izmit 140 milioni di euro:

nel 2011 programmati nuovi investimenti per 30 milioni di euro

Con 8 milioni di pezzi l’anno, è il più grande

stabilimento Pirelli al mondo

Nel 2011 saranno prodotti 50 mila pezzi per la F1

Pirelli, presente in Turchia dal 1960,

celebra il 50° anniversario di attività

Istanbul, 23 settembre 2010 –  Pirelli ha inaugurato oggi in Turchia, nel polo industriale di Izmit, la “Fabbrica dei Campioni”, l’impianto dove il gruppo produrrà gli pneumatici destinati a tutti i Team della Formula Uno nel triennio 2011-2013. Il polo, che quest’anno festeggia il Cinquantenario di attività, ospita dal 2007 la linea produttiva per le gomme Motorsport e si appresta a diventare, in sinergia con il centro Ricerca e Sviluppo di Milano, anche il cuore delle attività Pirelli dedicate alla Formula Uno. Nello stabilimento di Izmit, che con 8 milioni di pezzi tra motorsport, auto e truck, è la fabbrica Pirelli nella quale si produce il maggior numero di pneumatici, il gruppo ha investito 140 milioni di euro negli ultimi 10 anni e investirà nel 2011 ulteriori 30 milioni di euro a sostegno della strategia di espansione in Turchia e nei vicini mercati emergenti.

L’inaugurazione della divisione per gli pneumatici F1 è avvenuta nel corso di una conferenza stampa tenutasi all’interno dello stabilimento, alla quale hanno preso parte, tra gli altri, Nihat Ergün, Ministro dell’Industria e del Commercio della Turchia, Gianpaolo Scarante, Ambasciatore d’Italia in Turchia, Marco Tronchetti Provera, presidente del gruppo Pirelli, Francesco Gori, amministratore delegato di Pirelli Tyre, Andrea Pirondini, amministratore delegato di Pirelli Turchia e Metin Ar, chairman di Pirelli Turchia.

La presenza di Pirelli in Turchia

La fabbrica di Izmit, inaugurata nel 1960, produce pneumatici per i segmenti auto e industrial, oltre che Motorsport. La produzione dello stabilimento turco rifornisce i  principali mercati europei (tra i quali, oltre la Turchia, l’Italia, la Germania, la Francia, la Spagna, la Grecia, la Svizzera, l’Austria e il Regno Unito) e il Medio Oriente e numerose case automobilistiche mondiali quali Mercedes, Jaguar, Fiat e Renault. Il polo, che ospita anche uno stabilimento per la produzione di cordicella metallica giunto quest’anno al venticinquesimo anno di attività, si estende su una superficie di 340 mila metri quadrati e impiega 1.800 persone.

Nel 2010, Pirelli in Turchia prevede un fatturato di oltre 500 milioni di euro, in aumento di oltre il 25% rispetto allo scorso anno, e punta a crescere ulteriormente grazie ai 30 milioni di euro di nuovi investimenti che nel 2011 si aggiungeranno ai 140 milioni di euro già investiti negli ultimi 10 anni.

La Turchia e la Formula 1

Con l’avvio della divisione dedicata alla Formula Uno, Pirelli amplia la linea produttiva di pneumatici destinati a tutte le attività sportive automobilistiche. Nel 2011, la società produrrà complessivamente 200 mila pneumatici da gara, di cui 50 mila destinati alla fornitura dei Team F1 e 70 mila circa ai campionati di Gp2 e Gp3, dei quali Pirelli è fornitore unico. La rimanente produzione è destinata alle 60 competizioni automobilistiche internazionali su strada e su pista nelle quali la Casa milanese è impegnata come fornitore esclusivo, oltre che ai più prestigiosi campionati monomarca, quali il Ferrari Challenge, il Lamborghini Super Trofeo e il Maserati Trofeo. Nel complesso, l’intera gamma Pirelli per impieghi sportivi automobilistici è composta da 200 tipologie di pneumatici racing, inclusi gli pneumatici rally.

Gli pneumatici per la F1 verranno prodotti esclusivamente nello stabilimento di Izmit sulla base delle modellistiche di simulazione, delle mescole e delle strutture messe a punto dalla Ricerca e Sviluppo Pirelli che conta oltre mille ingegneri e tecnici. La linea per la Formula Uno, che si estende su una superficie di 15 mila metri quadrati, si avvale dei macchinari più avanzati per la produzione di pneumatici sportivi.

Il polo di Izmit, in sinergia con il centro Preparazione gomme sportive Pirelli di Burton on Trent (Regno Unito), sarà anche il cuore di tutte le attività logistiche legate alla Formula Uno.

I primi test

I nuovi pneumatici PZero Formula Uno, sviluppati sulla base delle esperienze maturate dai tecnici Pirelli in tutte le competizioni automobilistiche mondiali su strada e su pista, sono stati testati con successo a partire da metà agosto in tre cicli di prove sui circuiti del Mugello, di Le Castellet (Francia) e di Jerez (Spagna) e in questi giorni sono sottoposti a nuovi test  sul circuito di Monza. Nei turni di prova al Mugello e a Le Castellet sono state testate struttura e profili, al fine di garantire la massima adattabilità, continuità e omogeneità di prestazioni degli pneumatici. Sui circuiti di Jerez e Monza i test si sono concentrati principalmente sull’ottimizzazione delle mescole che saranno di sei diversi tipi per l’intera stagione: quattro “slick” per le gare su asciutto, un “rain” per le condizioni di pioggia e un intermedio in caso di pioggia leggera.

I test su pista, condotti su una Toyota TF 109 che ha preso parte alle gare della passata stagione, sono stati affidati fino alle prove sul Circuito di Jerez al pilota tedesco Nick Heidfeld. I test conclusivi sono previsti ad Abu Dhabi a metà novembre, al termine del Gran Premio.

“I test sono andati oltre le mie stesse aspettative e credo che Pirelli sia già a buon punto nello sviluppo degli pneumatici” ha dichiarato Heidfeld. “Il team Pirelli, al quale credo di aver dato qualche utile consiglio, ha imboccato sin dall’inizio la strada giusta per fornire a tutti i Team gomme affidabili e sicure in grado di garantire lo spettacolo e di far esprimere a ogni pilota il proprio stile di guida”.

Formula Uno e sostenibilità

Coerentemente con la strategia Green Performance Pirelli, finalizzata allo sviluppo di prodotti e soluzioni capaci di coniugare il massimo delle prestazioni e della sicurezza con il rispetto dell’ambiente, anche la fornitura  per la Formula Uno è ispirata a criteri di sostenibilità ambientale. In particolare, al pari di tutte le gomme da gara Pirelli, anche dalle mescole dei PZero destinati al massimo campionato automobilistico sono stati eliminati gli olii altamente aromatici. Inoltre, i processi della fabbrica di Izmit sono gestiti con criteri di efficienza energetica e idrica volti al contenimento delle emissioni di sostanze dannose come l’anidride carbonica. Particolare attenzione è posta al riutilizzo degli scarti di produzione e degli pneumatici usati. Il protocollo  di  smaltimento prevede il riciclo delle gomme F1 usate che saranno destinate alla generazione di nuova materia prima per altri pneumatici o alla produzione di energia. L’attenzione di Pirelli per i temi della sostenibilità è testimoniato anche dalla recente conferma negli indici Dow Jones Sustainability STOXX e Dow Jones Sustainability World, dove la società è risultata, per il quarto anno consecutivo, leader mondiale nel settore “Autoparts and Tires”.

I 50 anni di Pirelli in Turchia

L’inaugurazione della divisione produttiva per la Formula Uno coincide con le celebrazioni del Cinquantesimo anniversario di attività di Pirelli Turchia che prevedono, tra l’altro, una mostra fotografica presentata ieri al Cıragan Palace di Istanbul. La collezione di immagini ripercorre la storia della presenza industriale della Società in Turchia e ne racconta l’evoluzione tecnologica. Alle celebrazioni ufficiali hanno preso parte le autorità locali e gli esponenti del mondo imprenditoriale e culturale turco, tra i quali il regista Ferzan Ozpetek e la cantante Sezen Aksu.

Versione PDF (47KB)


  • Share to Facebook
  • Share to Twitter

Settimo Torinese, inaugurata ‘Workers’

E’ stata inaugurata domenica 12 settembre la mostra ‘Workers’, il racconto fotografico della Pirelli di Settimo Torinese attraverso il ritratto delle persone che con il loro lavoro scrivono giorno per giorno la storia della fabbrica.

Uomini e donne, pensionati e nuove leve, operai e ingegneri. Carlo Furgeri Gilbert, autore dei settanta scatti in mostra nello spazio de La Giardinera, nel centro di Settimo Torinese, dà corpo alle emozioni del ‘fare’, rendendo tangibile l’orgoglio e la consapevolezza nella produzione industriale con l’intelligente fisicità dei volti, delle braccia, degli sguardi.

Presenti all’inaugurazione Antonello Ghisaura, assessore ai Servizi Culturali e Sportivi del Comune di Settimo Torinese, Alberto Pirelli, vice presidente Gruppo Pirelli, Gustavo Bracco, direttore Risorse Umane Pirelli, Giovanni Pomati, direttore Operations Pirelli Tyre, e Antonio Calabrò, direttore Corporate Culture Pirelli e Fondazione Pirelli.

Fino al 10 ottobre ‘Workers’ è aperta al pubblico presso lo spazio La Giardinera, via Italia, 90 bis – Settimo Torinese, con i seguenti orari:giovedì / venerdì ore 15 – 19
sabato / domenica ore 10 – 12 / 15 – 19
Ingresso gratuito.

‘Workers’ – La storia e il futuro della Pirelli a Settimo Torinese nel volto dei suoi protagonisti
Un progetto di Fondazione Pirelli
Fotografie di Carlo Furgeri Gilbert
www.fondazionepirelli.org