TRUCK & BUS



I tre momenti nella scelta della gommatura di un veicolo industriale

La scelta dello pneumatico da parte del cliente può avveniere fondamentalmente in tre momenti; di seguito li analizziamo separatamente.

I tre momenti nella scelta

ACQUISTO NUOVO VEICOLO
Ouando l'utente é intenzionato ad acquistare un nuovo veicolo o un nuovo rimorchio, ha bisogno di scegliere il prodotto piu adeguato alle sue esigenze d'impiego.
La scelta verrá dunque fatta in base al futuro utilizzo del mezzo: infatti il tipo di percorso e il tipo di carico trasportato sono due variabili che nella maggior parte dei casi incidono sull'acquisto finale.
II P.E. (Primo Equipaggiamento) viene definito a seconda delle caratterisliche tecniche del veicoIo. II nostro supporto tecnico è comunque importante, soprattutto perchè deve coinvolgere attivamente l'utente e determinare l'ottimizzazione della scelta della misura piú adeguata, descritta nella gamma degli "optional", proposta dalla casa costruttrice del veicoIo.

AUMENTO DI PERFORMANCE
Se l'utente vuole aumentare le prestazioni del proprio veicolo, matura questa scelta grazie a un bagaglio di esperienza che gli deriva dalla gommatura fornita in P.E. o dal precedente proprietario. Quando arriva il momento della sostituzione dello pneumatico (a causa del suo danneggiamento, oppure per variazione del tipo di lavoro normalmente svolto dal veicolo) l'utente può sentire la necessità di migliorare la perfonnance del suo camion, sia in termini di resa sia di robustezza di carcassa, sia di maneggevolezza, sia di prestazioni generali.
Un ulteriore obbttivo del proprietario può essere quello di aggiornare la performance del veicolo (rispettando i termini previsti dalla legge) seguendo lo sviluppo della tecnologia produttiva.

SOSTITUZIONE PER ARRIVO A FINE VITA
Quando gli pneumatici montati sul veicolo arrivano a fine vita, il cliente si rivolge al gommista per sostituirli: se il suo veicolo continuerà ad avere lo stesso impiego avuto finora, non avvertirà la necessità di variare le caratteristiche delle coperture. Può però succedere che l'utente venga a conoscenza di nuovi prodotti in grado di garantirgli prestazioni generali superiori ed essere intenzionato a prenderli in considerazione, quale altemativa alla sua vecchia gommatura. Una terza opportunità di assistenza nella scelta si verifica quando, con l'approssimarsi della stagione invernale, l'utente abbia la necessità di sostituire la sua gommatura standard con le versioni Winter.


Evoluzione delle gomme

Evoluzione delle gomme


Perchè tubeless

Lo pneumatico senza camera d'aria (Tubeless) esternamente è simile a quello tradizionale (Tube Type). Dal punta di vista costruttivo, iI Tubeless si distingue grazie ad uno strata di gomma interno di tipo speciale, impermeabile all'aria, che consente di fare a meno della camera d'aria, e per i talloni con base inclinata, tali da consentire un facile montaggio ed una perfetta tenuta dell'aria.

VANTAGGI
Numerosi sona i vantaggi dell'utente che equipaggia il proprio veicolo con coperture Tubeless. Sinteticamente li possiamo così riassumere:

SICUREZZA
> In case di foratura, lo sgonfiamento dello pneumatico avviene molto lentamente e solo attraverso il foro nello pneumatico, consentendo il controllo del veicolo.
> Assoluta affidabilità della frenata per effetto del migliore raffreddamento degli organi frenanti.

ECONOMIA
> Maggiore durata e migliore resistenza ai guasti accidentali per il minore surriscaldamento cui è soggetto, grazie alla maggiore scorrevolezza, al migliore smaltimento del calore permesso dalla assenza di camera e flap, alla maggiore distanza dei tamburi dei freni dalla zona tallone, dovuto al diverso calettamento dei cerchi.
> Minor peso del complesso cerchio / pneumatico, che consente un maggior carico utile.
> Facilità di montaggio e smontaggio: le operazioni di montaggio / smontaggio possono essere eseguite manualmente, in brevissimo tempo, da una sola persona.
> Eliminazione dei rischi di danneggiamento delle camere durante il montaggio e di successive avarie imputabili a camere e flap.
> Minore costo del complesso cerchio / pneumatico Tubeless contro quello del Tube Type.

COMFORT
Migliore equilibratura. La mancanza della camera d'aria, del flap e degli elementi mobili del cerchio riducono la possibilità di vibrazioni dovute ad eccentricità e squilibrature.

CERCHIO DI MONTAGGIO
II cerchio di montaggio, del tipo a canale, e realizzato da un solo pezzo, con battute di appoggio dei talloni inclinati di 15° e balconate ribassate.


Le serie ribassate

La sempre maggiore diffusione di veicoli con elevate prestazioni, per i quali è richiesto un notevole margine di sicurezza, ha fatto nascere l'esigenza di disporre di pneumatici che consentono di aumentare la stabilità del veicolo, di avere una eccellente tenuta in curva e in frenata e un migliore comportamento di guida.
Tutte queste caratteristiche si possono ottenere montando sul proprio veicolo pneumatici della serie ribassata. Con questi pneumatici si ottiene inortre l'abbassamento del pianale di carico, a tutto vantaggio delle operazioni di carico e scarico delle merci e del maggiore volume di carico a disposizione, pur mantenendo i carichi limite e la sagoma limite previste dalle legislazioni locali.
Se montati su autobus, questi pneumatici consentono un abbassamento del pianale di calpestio con conseguente agevolazione della salita e della discesa delle persone.
Un ulteriore abbassamento si ha con le serie ultraribassate (/60, /70) che consentono una maggiore volumetria a scapito della capacità di carico.


Conversione di equipaggiamento

II passaggio da una serie tecnica ad un'altra è relativamente complesso e non sempre possibile. Inoltre deve rispettare le indicazioni o i vincoli forniti dal costruttore dei veicoli e dalle diverse legislazioni locali. Per questo motivo, riportiamo alcune regole per facilitare il nostro personale tecnico e commerciale nel consigliare la corrispondenza fra le varie sarie.
Prima di effettuare una trasfomazione, è necessario compiere una serie di controlli sugli pneumatici e sui veicolo. Nel dettaglio:

CAPACITÀ DI CARICO
La capacità di carico dello pneumatico in sostituzione non deve essere inferiore a quella dello pneumatico originale, o per lo meno compatibile con i carichi massimi omologati per il veicolo.

VELOCITÀ
II codice di velocità dello pneumatico in sostituzione deve corrispondere alla velocità massima raggiungibile dal veicolo. In alcuni Paesi è sufficiente rispettare i valori fissati dal regolatore di velocità.

DIAMETRO ESTERNO DELLO PNEUMATICO
Ogni veicolo è progettato per una determinata dimensione di pneumatici. Pertanto, per non influenzare eccessivamente le prestazioni dei veicoli, le dimensioni degli pneumatici possono variare solamente entro certi limiti.
L'aumento o la diminuzione del diametro comporta una corrispondente variazione del valore della circonferenza di rotolamento, dell'altezza da terra e dell'assetto del freni.
Le variazioni ammesse sono ± 5%.

CERCHIO
Verificare che la nuova copertura si possa accoppiare con il cerchio esistente (consultare a questo proposito il fascicolo "Dati tecnici e dimensionali").
In caso contrario occorre sostituire il cerchio.

INGOMBRO
È necessario accertarsi che lo pneumatico e la ruota non tocchino in nessuna parte la carrozzeria o le parti meccaniche del veicolo, in qualsiasi posizione possa assumere la ruota. Inoltre non devono fuoriuscire dalla sagoma del veicolo. Le distanze minime da osservare sono, in linea di massima, le seguenti:

> spazio verticale, ossia la distanza tra la parte superiore dello pneumatico ed il parafango.
Deve essere a veicolo carico = 70/80 mm.

> spazio laterale, ossia la distanza tra i fianchi dello pneumatico e la parte più vicina del veicolo:

fissa (balestra, staffe delle balestre, tiranti dei freni).
In questo caso lo spazio minimo deve essere di 15 mm.

mobile (carrozzeria, parafango, tiranteria dello sterzo).
In questo caso lo spazio minimo deve essere di 50 mm.

Il controllo delle ruote sterzanti va effettuato nelle condizioni di massima sterzata.

> spazio cerchio - tamburo freno, ossia la distanza che separa il cerchio dal tamburo del freno.
La ruota deve passare liberamente e permettere l'aerazione del tamburo stesso.
La distanza minima deve essere di 15 mm.

> interasse fra gemelli, ossia la distanza che separa le mezzerie degli pneumatici gemellati.
È necessario a tale proposito consultare le tabelle tecniche del fascicolo "Dati tecnici e dimensionali".

La distanza tra i gemelli deve essere tale da:

> permettere la dispersione di calore

> evitare l'inserimento di corpi estranei tra gli pneumatici che potrebbero favorire danneggiamenti.

Riportiamo in questa sezione le tabelle relative alle corrispondenze dimensionali dei diversi prodotti a parità di carico per asse.
Ricordiamo che ogni trasformazione di gommatura dovrà effettuarsi nel pieno rispetto della legislazione vigente e delle caratteristiche di omologazione del mezzo, se questo è già circolante.

LA CORRISPONDENZA È VALUTATA IN BASE ALLA CAPACITÀ DI CARICO .
È importante scegliere gli pneumatici in funzione dell'impiego a cui sono destinati.
Per trasporti a lungo percorso si consigliano le serie ribassate (/80), per trasporti a volume le serie ultraribassate (/70, /60).