L’analisi di materialità sulle tematiche strategiche di crescita sostenibile ha visto Pirelli chiedere l’opinione dei propri stakeholders a livello internazionale, considerandone il livello di interesse verso l’Azienda e viceversa e individuandoli con ilsupporto delle Direzioni di Gruppo con cui la Direzione Sostenibilità e Governo dei Rischi di Pirelli si interfaccia quotidianamente.

Il panel di stakeholders dell’Azienda cui è stato chiesto feedback ha compreso:

  • i maggiori clienti di Primo Equipaggiamento;
  • centinaia di clienti finali per ogni mercato rappresentativo;
  • i più importanti dealers in tutto il mondo;
  • moltissimi dipendenti che lavorano in diverse nazioni in cui il Gruppo è presente;
  • i maggiori fornitori (per fatturato Pirelli) in ogni categoria di acquisto;
  • i principali Azionisti, investitori e analisti finanziari di Pirelli;
  • Istituzioni e Amministrazioni Pubbliche nazionali e sovranazionali;
  • Giornalisti di testate nazionali e internazionali;
  • ONG presenti in ognuno dei paesi in cui Pirelli possiede attività produttive;
  • Università in ognuno dei dei paesi in cui Pirelli possiede attività produttive.

Gli stakeholders sono stati coinvolti tramite una richiesta – effettuata in lingua locale – di attribuzione di priorità d’azione sulle seguenti tematiche ESG, alla luce delle loro aspettative verso Pirelli:

  • Efficienza energetica di prodotto: impegno a ridurre la resistenza al rotolamento dello pneumatico durante la fase di utilizzo dello stesso; ciò consente risparmio di carburante e riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambiente;
  • Efficienza energetica di processo: impegno a ridurre il consumo di energia del processo produttivo degli pneumatici; ciò consente la riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambiente;
  • Energia rinnovabile: impegno a introdurre l’utilizzo di energia rinnovabile nel processo produttivo degli pneumatici; ciò consente la riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambiente;
  • Gestione dell’acqua: impegno a ridurre il consumo di acqua nel processo produttivo degli pneumatici, in modo da minimizzare l’impatto sulle risorse idriche;
  • Gestione dei rifiuti: impegno a ridurre la produzione di rifiuti nel processo produttivo degli pneumatici, al contempo aumentando riutilizzo e riciclo dei rifiuti prodotti;
  • Sicurezza del prodotto: impegno ad aumentare la performance di sicurezza dello pneumatico, in particolare in situazioni di utilizzo più critiche quali freddo, bagnato, neve ecc;
  • Gestione responsabile della catena di fornitura: applicazione di procedure che richiedono ai fornitori di essere allineati a regole e politiche di responsabilità sociale, ambientale, etica degli affari; monitoraggio delle performance dei fornitori a riguardo;
  • Compliance: impegno dell’azienda al pieno rispetto di leggi, regolamenti, procedure e linee guida locali e internazionali;
  • Evoluzione della mobilità sostenibile: capacità dell’Azienda di avere una visione di lungo termine (2030-2050), di anticipare le aspettative del mercato e di adattare velocemente il proprio business all’evoluzione della mobilità sostenibile;
  • Biodiversità: collaborazione con le comunità locali nelle aree considerate "protette" al fine di preservare e migliorare la biodiversità locale;
  • Gestione sostenibile del personale: impegno dell’Azienda a migliorare sempre più le condizioni di lavoro, come salute e sicurezza, formazione e sviluppo, remunerazione;
  • Governance dei Diritti Umani: impegno dell’Azienda a rispettare e supportare i Diritti Umani, a prevenire e gestire il rischio di impatti negativi sui diritti umani che possano derivare dalla propria attività;
  • Cittadinanza d’impresa: impegno dell’Azienda a supportare le comunità locali attraverso progetti di supporto sociale e impegno a costruire e mantenere relazioni positive con Istituzioni e Organizzazioni Non Governative;
  • Gestione delle diversità e Pari Opportunità: impegno dell’Azienda a garantire Pari Opportunità sul luogo di lavoro e a valorizzare le diversità in quanto leva di business;
  • Soddisfazione dei clienti: impegno dell’Azienda affinché il livello di soddisfazione dei propri Clienti sia massimo, grazie all’eccellenza del Prodotto, della Relazione col cliente e del Servizio offerto;
  • Ricerca, Sviluppo e Innovazione di Prodotto: impegno dell’Azienda a investire in Ricerca, Sviluppo e Innovazione come chiave per un successo di lungo periodo;
  • Rendicontazione completa e trasparente: trasparenza dell’Azienda nel rendicontare in modo chiaro e completo le proprie performance economiche, sociali e ambientali, e i relativi obiettivi.

Le priorità espresse, da parte di Pirelli e da parte degli stakeholders, sono state quindi consolidate e visualizzate in una mappatura, su una matrice che esprime sull’asse verticale le aspettative dei portatori di interesse esterni, mentre su quello orizzontale l’importanza che l’Azienda attribuisce agli elementi analizzati al fine del successo di business.

La bozza della mappatura è stata quindi sottoposta a valutazione critica e indipendente di una primaria società Leader nell’analisi ESG (Environmental, Social, Governance). Gli esperti hanno confrontato la mappatura Pirelli con i contenuti di dieci studi internazionali ritenuti come i più affidabili e significativi, focalizzati sugli elementi di Sostenibilità impattanti sul settore Auto Components, e hanno valutato i livelli di prioritizzazione delle tematiche ESG sul settore. Ciò, unito all’esperienza di analisti ESG a livello internzionale, ha consentito loro di esprimere suggerimenti sull’opportunità di piccoli spostamenti di posizionamento delle tematiche ESG nel draft della mappatura Pirelli.

Il risultato del processo sopra esposto è la mappatura di materialità Pirelli di seguito raffigurata.


La lettura della mappatura vede alta concentrazione degli elementi di sostenibilità nel quadrante in alto a destra, che determina l’alta materialità delle tematiche secondo gli attori coinvolti. Una bassa materialità si riscontra invece per le tematiche rientranti nel quadrante in basso a sinistra.

La “diagonale” risultante dal posizionamento dei fattori di sostenibilità è estremamente rilevante, in quanto denota il livello di coerenza tra la Vision di Pirelli e quella dei suoi stakeholders.

L’allineamento con le aspettative degli stakeholders si traduce, infine, nei Target del Piano di Sostenibilità 2014-2017 con Vision 2020 che l’Azienda si è data.


Ultima revisione: 26 Mag 2014