ARCHIVIO

RSS

Share to Facebook Share to Twitter Share to Linkedin More...

Pirelli collegherà le reti elettriche di Spagna e Marocco

  • PIRELLI SI AGGIUDICA IL PRINCIPALE CONTRATTO DEL 2003
    NEL SETTORE CAVI ENERGIA PER UN VALORE DI 60 MILIONI DI
    EURO
  • UN COLLEGAMENTO SOTTOMARINO DI 30 KM UNIR LE
    RETI ELETTRICHE DI SPAGNA E MAROCCO ATTRAVERSO LO STRETTO DI
    GIBILTERRA
  • SAR MIGLIORATA L’INTERCONNESSIONE FRA EUROPA E
    AFRICA, FAVORENDO LO SCAMBIO DI ENERGIA ELETTRICA FRA I DUE
    CONTINENTI
  • IL CAVO SOTTOMARINO SAR PRODOTTO NELLO
    STABILIMENTO DI ARCO FELICE (NAPOLI), IL POLO DI ECCELLENZA DEL
    GRUPPO

Milano, 9 dicembre 2003 – Pirelli si aggiudicata
la realizzazione – per conto delle societ elettriche
marocchina L’Office National de L’Electricit e spagnola Red
Electrica de Espaa – di un collegamento
sottomarino
ad alta tensione “chiavi in mano”, del valore
di circa 60 milioni di euro per la trasmissione di
energia elettrica fra Spagna e Marocco attraverso lo stretto di
Gibilterra . Verranno posati tre cavi sottomarini
ad alta tensione , per complessivi 90 kilometri .
Il contratto il pi
importante del 2003
nel settore cavi energia e prevede il
raddoppio dell’esistente sistema di trasmissione sottomarino, lungo
l’intero stretto di Gibilterra, realizzato anch’esso da Pirelli nel
1997. Il collegamento ha una particolare rilevanza strategica, in
quanto migliorer significativamente l’interconnessione fra
le reti elettriche europee e quelle della regione del Nord Africa,
garantendo quindi notevoli vantaggi in termini di
compensazione dei picchi nella domanda di energia elettrica
nei vari Paesi con una conseguente riduzione dei rischi di
black-out
.

“Pirelli si aggiudicata un contratto di grande
rilievo in un momento particolare per il settore dell’energia: se
da un lato la congiuntura internazionale degli ultimi anni ha
portato a una riduzione degli investimenti, dall’altro le reti di
trasmissione sono al centro dell’attenzione a causa dei recenti
black-out in tutto il mondo
“, ha commentato Valerio Battista,
amministratore delegato di Pirelli Cavi e Sistemi Energia. ”
Questo progetto quindi un significativo passo avanti
verso una maggiore interconnessione delle reti, ovvero verso la
possibilit di trasferire l’energia elettrica da un Paese
all’altro in relazione alla domanda”.

Pirelli si aggiudicata questo contratto dopo aver
vinto, nel corso degli ultimi mesi, le gare per la realizzazione
dei progetti “Basslink” – che
interconnetter le reti elettriche degli stati australiani
di Victoria e Tasmania attraverso il pi lungo collegamento
sottomarino mai realizzato al mondo – e
“Italia-Grecia” , che collega le reti di
trasmissione elettrica del nostro Paese e della Grecia, porta di
ingresso per tutta l’area dei Balcani. Il Gruppo Pirelli si
conferma quindi come il partner d’eccellenza tecnologica per la
realizzazione dei progetti di interconnessione sottomarina e
leader dell’intero settore dei cavi energia .

Il nuovo collegamento prevede la realizzazione e la posa di tre
cavi sottomarini unipolari isolati in carta impregnata di olio
fluido, tra i pi tecnologicamente avanzati al mondo, che,
affiancati al sistema esistente, consentiranno di raggiungere una
capacit di trasmissione complessiva di 1.400
MegaWatt
alla tensione di 400 kiloVolt .
Il progetto prevede anche l’installazione di due cavi per
telecomunicazioni in fibra ottica per il controllo del sistema e la
trasmissione di dati a banda larga, ciascuno lungo circa 30
km
.

In particolare, nell’ambito del progetto affidato al consorzio
Pirelli-Nexans che ha un valore complessivo di 115
milioni
di euro, Pirelli realizzer e poser
con la propria nave posacavi Giulio Verne due dei tre cavi
sottomarini energia e un cavo per telecomunicazioni. Il
completamento del progetto previsto per la seconda
met del 2005
.

I cavi saranno realizzati, nel corso dei prossimi due anni,
presso lo stabilimento italiano di Arco Felice ,
in provincia di Napoli, il polo di eccellenza
tecnologica del Gruppo a livello mondiale per il settore
submarine.

Il progetto godr di finanziamenti della Banca
Europea per gli Investimenti (BEI) e della Banca Africana di
Sviluppo (AFDB).

Scarica le versione PDF della
News (pdf file, 160Kb)