ARCHIVIO

Sustainability Channel è il canale di comunicazione verso i nostri stakeholder interessati ad uno Sviluppo Sostenibile del business.


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

FINALIZZATA LA VENDITA A BEKAERT DELL’IMPIANTO STEELCORD DI PIRELLI IN CINA

Con questa transazione si completa la cessione delle attività steelcord di Pirelli

Pirelli e Bekaert annunciano di aver finalizzato con successo la vendita a Bekaert delle attività steelcord di Pirelli in Cina (Yanzhou, nella Provincia di Shandong). Con questa transazione si completa il trasferimento delle attività steelcord di Pirelli.

L’operazione segue la cessione a Bekaert da parte di Pirelli degli stabilimenti steelcord di Figline (Italia), Slatina (Romania), Sumaré (Brasile) e Izmit (Turchia). Le prime tre cessioni erano state annunciate il 18 dicembre 2014 e, la quarta, il 6 febbraio 2015.

In linea con quanto già comunicato al mercato il 28 febbraio 2014, in occasione dell’annuncio dell’operazione, il valore complessivo (enterprise value) per il 100% dell’attività steelcord è confermata in 255 milioni di euro.


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PIRELLI ROMANIA: RICICLO, AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ

Il comune di Slatina, sede dello stabilimento Pirelli, parteciperà alla terza edizione di “Fii orasul reciclarii 2015”, concorso che premia la migliore “città del riciclo” della Romania che si concluderà nel mese di giugno.

Il comune che riuscirà a raccogliere la maggior quantità di immondizia riceverà come premio la costruzione di un parco giochi realizzato con materiali riciclati.

Lo stabilimento di Pirelli in Romania, da sempre sensibile al tema del rispetto ambientale, oltre a supportare il comune di Slatina in questo concorso, promuove, insieme alle autorità locali, diversi progetti di formazione dei cittadini sul tema della raccolta differenziata dei rifiuti.

Inoltre, da diversi anni, Pirelli Slatina partecipa a “Let’s do it Romania”, attività in cui molti dipendenti Pirelli prestano volontariamente tempo e forze per pulire i parchi di Slatina


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

Pirelli: a conferenza Rio+20 presentati progetti con Ministero dell’Ambiente italiano e lo Stato brasiliano di San Paolo per la riduzione dell’impatto sul clima derivante dalla produzione dei pneumatici dello stabilimento car di Campinas

LA FABBRICA BRASILIANA GIA’ PREMIATA DALLA FIESP (FEDERAZIONE DEGLI INDUSTRIALI DELLO STATO DI SAN PAOLO) PER IL RIUTILIZZO TOTALE DELLE ACQUE IMPIEGATE NEL PROCESSO INDUSTRIALE

Pirelli ha presentato oggi, nell’ambito della Conferenza Internazionale sullo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite – RIO+20, alcuni progetti che saranno realizzati in Brasile con la collaborazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e lo stato brasiliano di San Paolo, per analizzare e ridurre l’impatto sul clima derivante dalle attività di produzione dei pneumatici dello stabilimento car di Campinas. La presentazione dei progetti è stata effettuata dal direttore Sostenibilità e Governo dei Rischi di Pirelli, Filippo Bettini, all’interno delle iniziative del padiglione italiano della Conferenza Rio+20 alla presenza del Ministro Corrado Clini e del presidente di Pirelli Brasile, Paolo Dal Pino.

I progetti si inseriscono nell’ambito degli impegni assunti della società nel corso del Sustanaibility Day tenutosi presso l’headquarter di Milano, lo scorso 23 gennaio, e testimonia, in linea con gli obiettivi di sostenibilità del Piano industriale 2012-2014 presentato a Londra lo scorso novembre, l’impegno della società per la realizzazione di un modello di crescita sostenibile ed efficiente.

Nell’ambito dei progetti presentati oggi Pirelli si impegna a calcolare, adottando metodologie di calcolo riconosciute a livello internazionale, l’impronta di carbonio (carbon footprint) relativa all’intero ciclo di vita di un proprio pneumatico rappresentativo prodotto nello stabilimento car di Campinas, nello stato brasiliano di San Paolo. Questo studio include anche l’individuazione degli interventi economicamente più sostenibili ed efficienti per ridurre le emissioni di gas a effetto serra legate al ciclo di vita dello stesso pneumatico.

Lo stabilimento Pirelli di Campinas, che si estende su una superficie di 120mila metri quadrati e che attualmente occupa oltre 2.000 persone, ha già ricevuto lo scorso marzo il premio della FIESP (Federazione degli Industriali dello Stato di San Paolo) per il progetto di riutilizzo totale delle acque impegnate nella produzione degli pneumatici.

Il calcolo dell’impronta di carbonio sarà realizzato anche per la bio-silice ricavata dalla lolla di riso e prodotta nello stabilimento Pirelli nella città di Meleiro, nello stato brasiliano di Santa Catarina. Questo processo, innovativo ed eco-compatibile elaborato da Pirelli, utilizza gli scarti della lavorazione del riso per produrre tale materia prima essenziale della mescola degli pneumatici, in sostituzione della silice prodotta attraverso metodi convenzionali, oggi ambientalmente più impattanti. Un ulteriore progetto presentato oggi prevede l’analisi tecnica ed economica per l’integrazione della tecnologia solare termica in alcune fasi del processo di produzione degli pneumatici, in sostituzione di fonti energetiche fossili.

Le diverse azioni condotte da Pirelli per contenere gli impatti ambientali hanno portato nel 2011 il gruppo a diminuire dell’8% i consumi specifici di energia e le emissioni specifiche di CO2 rispetto al 2009, con il 28% in meno di prelievi specifici d’acqua. Pirelli è inoltre impegnata attivamente nella gestione della filiera di raccolta e nella messa a punto di nuove soluzioni per il recupero di pneumatici fuori uso (PFU). In Brasile, attraverso l’associazione del settore, ANIP, la società partecipa al Consorzio Riciclanip che nel 2011 ha raccolto circa 320mila tonnellate di pneumatici a fine vita.

Con oltre 80 anni di presenza nel Paese, Pirelli ha oggi cinque fabbriche per la produzione di pneumatici in Brasile: Gravataí (RS), Campinas (SP), Santo André (SP), Sumaré (SP) e Feira de Santana (BA). In tali stabilimenti la società impiega complessivamente circa 9 mila dipendenti.

Gli obiettivi in termini di sostenibilità ambientale prevedono entro il 2015 una riduzione del 15% sia dei consumi energetici specifici che delle emissioni specifiche di CO2 e del 70% del prelievo specifico di acqua rispetto ai valori 2009.

Versione PDF (41,9 KB)