ARCHIVIO

Sustainability Channel è il canale di comunicazione verso i nostri stakeholder interessati ad uno Sviluppo Sostenibile del business.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PIRELLI & C. AMBIENTE E CLEAN DIESEL TECHNOLOGIES INC. COSTITUISCONO UNA JOINT VENTURE PER LA COMMERCIALIZZAZIONE E LA VENDITA DI DISPOSITIVI PER IL CONTROLLO DELLE EMISSIONI IN EUROPA E NEI PAESI AREA CSI

Ventura (Calif), Milano, 20 febbraio 2013 – Pirelli & C. Ambiente Spa e Clean Diesel Technologies Inc. (Nasdaq: CDTI) annunciano la sottoscrizione di un accordo per costituire una joint venture per la commercializzazione e la vendita in Europa e nei Paesi dell’area CSI di dispositivi per il controllo delle emissioni. La nuova società, denominata Eco Emission Enterprise Srl, avrà sede a Milano e si prevede diventi operativa dal mese di marzo.

Attraverso la joint venture le due società puntano a consolidare la propria leadership nelle tecnologie per il contenimento delle emissioni inquinanti dei veicoli diesel o benzina leggeri e pesanti per applicazioni on road ed off road nei segmenti del Primo Equipaggiamento e dell’After Market. Inoltre, le due società intendono perseguire iniziative congiunte rese possibili dalle sinergie derivanti dall’intesa. L’accordo prevede la fornitura alla joint venture di substrati in carburo di silicio da parte di Pirelli & C. Eco Technology RO (Romania) e di soluzioni per il controllo delle emissioni da parte di CDTi. Eco Emission Enterprise Srl, che avrà un management internazionale, diventerà il ramo commerciale di entrambi i partner sul mercato europeo.

“Siamo orgogliosi di costituire una joint venture strategica con Pirelli, società multinazionale globalmente riconosciuta per le sue tecnologie e prodotti innovativi”, ha dichiarato Craig Breese, Ceo di CDTi. “La costituzione della joint venture rafforza i nostri portafogli di prodotti e le nostre capacità, oltre a inserirsi perfettamente con la strategia di sviluppo del business delle due società. Questo accordo consente di espandere e di rafforzare la presenza di CDTi in Europa e di far leva sui consolidati rapporti di Pirelli nel primo equipaggiamento e sulla sua lunga storia come leader globale sul mercato Europeo, rendendola il nostro partner ideale”.

“L’elevato livello tecnologico e lunga esperienza nei sistemi per il controllo delle emissioni fanno di CDTi un partner ideale per sviluppare insieme iniziative commerciali per la diffusione dei nostri prodotti. La joint venture è un primo step e consentirà di sviluppare sinergie importanti e ampliare i mercati di riferimento, oltre che di offrire ai nostri clienti una gamma di prodotti ancora più completa e dalle elevate componenti tecnologiche”, ha dichiarato Giorgio Bruno, amministratore delegato di Pirelli & C. Ambiente.

Pirelli & C. Ambiente S.p.A offre soluzioni per lo sviluppo sostenibile nell’ambito delle tematiche energetiche, quali i combustibili alternativi – CDR-P, un combustibile di qualità derivato da rifiuti solidi urbani, nonchè impianti fotovoltaici ed eolici attraverso una partecipazione indiretta nel capitale della Greentech Energy Systems A/S. Pirelli & C. Eco Technology RO (Romania), sviluppa e produce soluzioni per l’ambiente basate principalmente sul carburo di silicio.

CDTi è un distributore e produttore verticalmente integrato di sistemi e prodotti per il controllo delle emissioni, focalizzato sui mercati dei veicoli diesel pesanti e leggeri. CDTi utilizza la tecnologia proprietaria Mixed Phase Catalyst (MPC®), le tecnologie catalitiche ARIS® e Platinum Plus® e altre tecnologie per fornire soluzioni sostenibili in grado di ridurre le emissioni, incrementare l’efficienza energetica e ridurre il particolato prodotto dai motori diesel per applicazioni on road ed off road. CDTi ha sede a Ventura, in California e attività negli Usa, Canada, Regno Unito, Francia, Giappone e Svezia.

PDF Version (50 KB)


Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

In Pirelli si parla di energie rinnovabili

Un convegno promosso dall’Agenzia per l’Italia Digitale e dalla Fondazione Silvio Tronchetti Provera

Un incremento di efficienza energetica del 23% determinerebbe nei prossimi 10 anni un aumento della domanda interna di oltre 1,3 miliardi di euro, con un contributo al tasso medio di crescita del Pil di circa lo 0,5%.

E’ quanto emerge dal secondo Osservatorio per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, promosso da Fondazione Silvio Tronchetti Provera e Agenzia per l’Italia Digitale, in collaborazione con l’Università Bocconi, il Politecnico di Milano e l’Università degli Studi Milano Bicocca, i cui dati vengono presentati martedì 12 febbraio a Milano, nel nostro HQ, in occasione del Convegno ‘Energie rinnovabili ed efficienza energetica, scenari e opportunità’.

Ad aprire i lavori Marco Tronchetti Provera, presidente della Fondazione Silvio Tronchetti Provera, seguìto da Corrado Clini, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il Convegno prosegue con la presentazione dello studio – da parte dei curatori, Vittorio Chiesa, professore ordinario del Politecnico di Milano, Giancarlo Giudici, professore associato del Politecnico di Milano, e Massimo Beccarello, professore associato dell’Università degli Studi Milano Bicocca. Al centro i temi legati alle più rilevanti tecnologie nel settore delle energie rinnovabili (il fotovoltaico, l’idroelettrico) e all’efficienza energetica, che si pone come vero e proprio volano per la crescita del paese. Modera Lucio Pinto, direttore Fondazione STP.

A conclusione dei lavori, una tavola rotonda su ‘Energia e innovazione: il ruolo dello Stato’, con la partecipazione di Luigi Nicolais, presidente CNR.

Il libro ‘Energie rinnovabili ed efficienza energetica, scenari e opportunità’ è disponibile in italiano e in inglese sui siti:

www.aginnovazione.gov.it

www.fondazione tronchetti.it



2 news febbraio, 2013