ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Ulteriore settimana positiva per le principali borse europee quella dal 10 al 14 settembre 2012 (Milano +3.2%, Londra +2.1%, Francoforte +2.7%, Parigi +1.8%, Madrid +3.4%) sostenute dal positivo newsflow macroeconomico: oltre alla ratifica della partecipazione all’ESM da parte della Corte Costituzionale tedesca (con un impegno economico massimo di 190 €mld), il Governatore della Fed Bernanke ha lanciato un terzo round di Quantitative Easing al fine di migliorare l’occupazione negli Stati Uniti (acquisti di “Mortgage Back Securities” senza limiti prefissati, prima tranche fino a 40 miliardi di dollari). La Fed inoltre, ha rinnovato il proprio impegno a mantenere I tassi di interesse ufficiali prossimi allo zero fino alla metà del 2015 (0.25% il tasso ufficiale attuale).

Migliore performance settoriale per l’Auto & Parts europeo (+5.6% lo Stoxx) trainato dai buoni dati sulle vendite ad agosto di Audi e Volkswagen e dalle notizie sull’andamento del mercato cinese.

Pirelli chiude a 9.37€ in rialzo del 4.6% con una media giornaliera di volumi scambiati di circa 3 milioni di pezzi. Sul finale di settimana il titolo ha beneficiato dell’upgrade di Societe Generale che ha portato il Target Price a 10.4€ (da 8.7€, Buy confermato): per il broker i fondamentali di Pirelli rimangono solidi e gli obiettivi 2012 sono raggiungibili nonostante il difficile contesto di mercato. Il prezzo obiettivo di consensus si attesta a 10.5€ con il 75% del coverage con raccomandazione Buy.

Categories: Pirelli Pirelli Tyre


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana in decisa flessione per I mercati finanziari internazionali  (Milano -3.3%, Londra -1.5%, Parigi -2.2%, Wall Street -2.2%). A promuovere l’incertezza tra gli operatori è la view incerta sullo scenario macroeconomico fornita dal Governatore della Federal Reserve (cauto miglioramento nel secondo semestre del 2011 ma nessuna ulteriore immissione di liquidità sul mercato) cui si aggiungono i timori per una possibile proroga dei rimborsi delle prime tranche del debito greco (rinnovo volontario dei bond ellenici giunti a maturazione con titoli di nuova emissione).
Decisa la reazione dei bancari che cedono ben 4 punti percentuale a livello settore. Deboli anche i finanizari (-3.1%) mentre Industriali e Auto&Parts registrano rispettivamente -1.7% e -0.6%.
Pirelli chiude a 6.66€ (-1.6%) con volumi in flessione rispetto alla media dell’ultimo mese (2.5mln vs 3.5 mln la media giornaliera dei volumi trattati).
Si segnala  l’upgrade a Buy di Societe Generale (TP 8€ da 7.6€): il titolo è valutato a premio dell’8% rispetto a Michelin riflettendo l’ottimo andamento della performance operativa. Secondo il broker il trend positivo della domanda globale e la ripresa della produzione di truck tyres in Egitto garantiranno il raggiungimento della guidance sui volumi per il 2011 (>6%).
Attualmente il Consensus sul Target Price di Pirelli si attesta a 8.15€, Buy la raccomandazione prevalente (91%) dei broker che coprono il titolo.

Categories: Peers & Markets


Scrivi un commento »


2 news for the tag: Federal Reserve