ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

 

I timori sul debito dei paesi dell’area euro e le difficoltà sull’accordo sul debito pubblico USA (raggiunto domenica 31 luglio) hanno dominato i mercati azionari nella settimana del 25 -29 luglio. Le principali piazze finanziarie chiudono in ribasso mediamente del 3% con Milano a -5.3% in virtù dell’elevato peso dei bancari, peggiore settore anche a livello europeo (-5% ). 

Vendite hanno interessato il settore auto&parts (-4.8%) nonostante il buon andamento della 2Q reporting season, pienamente già anticipato dal mercato azionario. 

Pirelli chiude la settimana a 7.24€ sovraperformando Piazza Affari (+5pp), l’indice settoriale (+4.7pp) ed i main peers (+7.6pp vs. Michelin, +3.9pp vs. Continental, +6.2pp vs. Nokian). A sostenere l’andamento del titolo l’accordo sulla Russia ed i risultati del 2Q 2011 superiori alle attese del mercato. Secondo Intermonte l’accordo raggiunto lo scorso 25 luglio tra Pirelli, Russian Technology e Sibur permetterà a Pirelli di entrare da subito su un mercato ad alta profittabilità. Positivi i commenti degli analisti sui risultati di Pirelli: “an excellent quarter” che evidenzia il solido posizionamento di business e l’elevato pricing power. Sei gli upgrade sul titolo: Banca IMI (9.7€ TP da 8.92€), Banca Aletti (9.50€ da 8.50€), Exane (10€ da 9.70€), Banca Leonardo (10.1€ da 8.2€), Axia (TP a 9€ da 8.2€), Chevreux (8.20€ da 8.0€). Il TP medio di consensus si attesta a 8.80€ con il 92% dei broker con raccomandazione BUY. 


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

I timori sulla stabilità dell’euro continuano ad influenzare l’andamento dei mercati finanziari nella settimana dall’11 al 15 luglio (Milano -3.1%. Londra -2.5%, Parigi -4.8%, Francoforte -2.5%).

Pirelli in controtendenza rispetto a Piazza affari e allo Stoxx Auto (+6.6pp; +2.6pp) chiude la settimana a 7.66€ in rialzo del 3.7%. A sostenere il titolo, che da inizio anno registra una crescita del 26,5%, anche l’upgrade di Goldman Sachs che ha portato il TP a 11.0€. Elevato pricing power e continuo miglioramento del mix caratterizzano secondo il broker l’equity story di Pirelli. Il mercato non sconta potenzialità di crescita della profittabilità: atteso un ebit margin di gruppo al 9.9% nel 2011, 12.7% nel 2013.


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana debole quella dal 16 al 20 maggio 2011 per i principali mercati internazionali (Milano -2.4%, Londra +0.4%, Francoforte -0.7%, Parigi -0.7%). A pesare sui listini le incertezze sul debito sovrano dei paesi periferici dell’area euro (Grecia, Portogallo) 

A livello settoriale, pesano sull’Auto & Parts (-2.5% l’indice di riferimento europeo) i dati deludenti sulle immatricolazioni in Europa nel mese di Aprile (-4.1%) che hanno evidenziato un peggioramento di Fiat (-7.5% il calo delle vendite) con il titolo che perde in borsa il 2.1%. Risentono del clima finanziario incerto anche i bancari che perdono l’1.3% (Stoxx Bank)Pirelli chiude la settimana a 6.79€ (-3.5%) in linea con i principali titoli del comparto. Circa 4 milioni i pezzi scambiati in media durante la settimana.

 

 

.


Scrivi un commento »


1 - 3 di 4 for the tag: debito paesi periferici UE