ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana positiva quella dal 18 al 22 luglio per i principali mercati internazionali (Milano +5.5%, Londra +1.6%, Parigi -0.7%, Francoforte +1.5%). Dopo un avvio in forte flessione, i listini beneficiano della decisione UE di rilanciare un nuovo piano di aiuti per il debito greco con il coinvolgimento anche di istituti finanziari privati.

Forti ricoperture sul comparto bancario che fa segnare la migliore performance europea: +5.7% lo Stoxx di riferimento.

Vendite sul comparto tyre: i dati di mercato giugno e del 2Q hanno evidenziato un rallentamento dei volumi di vendita rispetto al 1° trimestre del 2011. In flessione i pricipali titoli: Continental a -3.5%, Nokian -3.2%, Michelin a -2.8% Pirelli, miglior titolo del comparto da inizio anno, chiude la settimana a 7.25€ (-5.3%). Sul titolo si segnalano gli upgrade di Exane (Buy da Neutral e TP a 9.7€) e di Centrobanca (Buy e TP a 9.5€); diversa la posizione di Merrill Lynch che ha avviato la copertura su Pirelli ad Underperform con un Target Price di 7€.  Per il broker il titolo ha sovraperformato il settore ed i main peers negli ultimi 2 anni grazie ad un “appealing restructuring story” ed una solida “earning generation”. La società può inoltre contare su: un forte brand, una struttura dei costi efficiente, solido pricing power ed “an experienced management team”. Diversa la view sui target di piano 2011-2013: secondo il broker la crescente competizione in LatAM così come in Europa potrebbe limitare la capacità della società di migliorare la profittabilità.

Il target price medio di consensus su Pirelli si attesta a 8.54€ con il 92% dei broker che coprono il titolo con raccomandazione Buy.


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana contrastata quella dal 13 al 17 dicembre per i principali mercati internazionali (Milano -2.0%, Londra +1.0, Francoforte -0.3%, Parigi +0.3%).
Dopo il downgrade di Moody’s sull’Irlanda (Aa2 a Baa1) e la decisione di mettere sotto osservazione il rating della Spagna (AA1), si riaccendono i timori sulla stabilità finanziaria dei paesi periferici dell’area Euro. Penalizzati i bancari e gli assicurativi: -2.8% e -1.4% i rispettivi indici di riferimento europei.

I dati negativi sulle immatricolazioni in Europa occidentale nel mese di novembre (-8.3% yoy) pesano sul comparto Auto in flessione del 2.1% (DJ Stoxx Auto).
Influenzati anche I titoli del settore Tyre (Continental -6.5%, Michelin, -1.4%) che oltre al dato sulle auto scontano il continuo rialzo del costo della gomma naturale, con i futures che hanno toccato i 4,7$/kg (RSS 3)e 4.6$/Kg (TRS20) .
Pirelli contiene le perdite chiudendo l’ottava intorno alla parità ( -0.3%)  sovraperformando sia l’indice di riferimento europeo (+1.8pp) sia l’indice FTSEMib (+1.7pp). Ridotta l’attività sul titolo con una media di  circa 1,6 milioni di pezzi scambiati (sopra i 3 milioni la media mensile).
Da segnalare l’upgrade di Centrobanca sul titolo (BUY a 7.35€ da 7€) a seguito della revisione della valutazione sul business tyre: +9% a 2.68 mld €, pari ad un multiplo P/E di 10.7x nel 2011 in linea con la mediana dei peers ma a premio vs. Michelin del 16%. Le attese sono per una crescita medio annua dei ricavi tyre del 6.5% ed un ebit margin del 9.5% nel 2013 (ebit pari a 556 mln €).
Particolarmente apprezzabili secondo il broker il ridotto rischio di M&A, l’elevata esposizione sui mercati emergenti, la “sound debt position” e la “safe dividend policy”. Lo sviluppo del business in Russia rappresenta inoltre un importante catalyst  per lo stock.
Da segnalare anche l’inserimento di Pirelli fra i “titoli su cui puntare nel 2011″ di Banca IMI. Il focus sul comparto premium ed il ribilanciamento della presenza produttiva (con i progetti in Cina, Latam e Russia) consentiranno a Pirelli di raggiungere e probabilmente battere i propri obiettivi nonostante il continuo incremento del costo delle materie prime.


Scrivi un commento »


2 news for the tag: Centrobanca