ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Chiudono in rialzo i principali mercati finanziari nella settimana dall’11 al 15 ottobre (Milano +1.5%, Londra +0.8%, Francoforte +3.2%, Parigi +1.7%) sostenuti dalle prospettiva di nuove misure di stimolo all’economia da parte della Federal Reserve.
A livello settoriale si distinguono il comparto Industrial (+3.3%) e l’Auto & Parts (+3.9%).
Settimana sui massimi per Pirelli che si conferma tra i migliori stock sul mercato: +6.6% a 6.39€. Il titolo sovraperforma rispetto al FTSE MIB (+5.1pp) e all’indice di riferimento europeo del comparto (+2.7pp vs DJ STOXX Auto&Parts) confermandosi per un’altra ottava il miglior titolo da inizio anno tra le Blue Chips (+47.7pp YTD). Sostenuti i volumi medi che si attestano vicino ai 5 milioni di pezzi scambiati.
Dopo l’upgrade della guidance sul full year 2010,  7  broker (Intermonte, UBS, Chevreux, Equita, Banca Akros, Banca Leonardo, Exane), hanno rivisto al rialzo la valutazione su Pirelli in media di 70 € cent con un Target Price di 7€ . Per Intermonte (Outperform a 7.60€) Pirelli ha saputo colmare il gap valutativo vs i peers grazie ad una continua focalizzazione sui tyre e meriterebbe di trattare a premio in considerazione del posizionamento di business. Per UBS (BUY a 7€) il positive momentum per Pirelli proseguirà con la presentazione del nuovo piano industriale da cui si attendono buone indicazioni sui futuri trend operativi, sui disposals e sul piano di efficienze.
Contrastati i principali peer europei: Michelin +4.4%, Continental +6.8%, Nokian -0.6%.
Pirelli RE archivia la settimana a 0.434€ in flessione del 7.6%.


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana positiva per i principali mercati internazionali (Milano +1.8%, Londra +1.2%, Francoforte +1.3%, Parigi +1.9%) sostenuti dal newsflow macroeconomico: tassi ufficiali vicini allo zero in Giappone e invariati per la BCE (1%) con indicazioni positive sullo stato di salute degli istituti finanziari globali provenienti dalla stessa BCE e dall”FMI. A livello settoriale il comparto Auto & Parts europeo registra un rialzo dell’1.1%.
Pirelli chiude la settimana in rialzo dello 0,7% a 5.995€ dopo aver toccato i nuovi massimi il 7 ottobre (6.05€). Il titolo si conferma per un’altra ottava il best performer sul FTSE Mib: +40.5pp YTD. Volumi in linea con gli ultimi 3 mesi: 3,5 milioni i pezzi in media scambiati. Unicredit ha confermato la raccomandazione BUY sul titolo alzando il TP a 6,60€ (da 6,1€). Il momento positivo del settore e il posizionamento strategico di Pirelli nei confronti dei peer, in particolare sugli emerging markets, hanno portato a rivedere le stime sulla società: Ebit margin tyre 2010E 8.5%(397 € mln l’ebit), 9% 2012E (449.7€ mln l’ebit). Centrobanca conferma le stime positive (TP: 6.29€, BUY) vedendo attualmente Pirelli come il titolo meno rischioso sul comparto tyre internazionale.
Contrastati i principali peer europei: Continental -0.6%, Nokian +1.7%. Michelin recupera parte delle perdite (-15.05% dal giorno antecedente l’annuncio di aumento di capitale) chiudendo con una performance settimanale del +2.7%.
Pirelli RE prosegue il trend positivo chiudendo a 0.47€ in rialzo del 6.7%: unico positivo sul comparto insieme ad IGD (+8.3%)


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Settimana in flessione quella dal 27 settembre al 1 ottobre per i mercati azionari internazionali (Milano -1.1%, Londra -0.1%, Francoforte -1.4%, Parigi -2.4%). Il susseguirsi di dati macroeconomici contrastanti, l’attesa per le decisioni dell’Ecofin sul debito dei paesi periferici della zona Euro e i timori sui bond irlandesi e portoghesi hanno alimentato l’incertezza sui listini e accelerato le vendite.
A livello settoriale, da segnalare le buone performance dei comparti Oil&Gas (+1.6%) e Technology (+0.3%): gli unici con segno positivo.
Andamento positivo per Pirelli per buona parte della settimana, con il superamento di quota quota 6€ (6.06€ lo scorso 30 settembre) sulla scia dell’annuncio del rialzo dei prezzi USA (fino 7% su intera gamma) e del rinnovato giudizio positivo degli analisti in occasione del Paris Motor Show, sul posizionamento strategico di Pirelli vs i peers.  Le prese di beneficio sul finale di settimana (-2.6% l’indice di riferimento europeo) hanno riportato Pirelli a quota 5.96€ (-0.4%). Sostenuti i volumi con una media di circa 5 milioni di pezzi (superiore a quella degli ultimi tre mesi).
Il TP di Consensus su Pirelli si attesta a €6.35 (Buy la raccomandazione prevalente:79% del coverage).

Michelin sconta l’inaspettato annuncio dell’aumento di capitale da 1,2mld€ chiudendo in flessione del 14.8%. Sul titolo pesano anche i conseguenti downgrade da parte di Merrill Lynch e Morgan Stanley.
Diversa reazione da parte del mercato per l’annuncio di Continental (+0,9%) dell’emissione di un ulteriore bond da 1,25bln€ (2 tranches con maturity 2016 e 2018 e cedole rispettivamente 6.5%, 7.125%).  Chiusura positiva per Nokian: +1.3%.
Pirelli RE chiude a 0.44€, in rialzo del 1.1%.


Scrivi un commento »


1 - 3 di 38 for the category: Pirelli Re