ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Le principali borse europee chiudono contrastate la settimana tra il 17 ed il 21 febbraio 2014 (Milano -0.2%, Londra +2.6%, Francoforte -0.1%, Parigi +0.9%, Madrid -0.6%). Sul fronte macroeconomico soprendono la flessione della fiducia dei consumatori tedeschi (indice Zew di febbraio in calo per il secondo mese consecutivo) e la contrazione del settore manifatturiero cinese (flash PMI di febbraio). Positive, invece, le indicazioni provenientei dalla disoccupazione USA (richieste di sussidi in calo a gennaio), mentre dalle minute della Fed si apprende che i tassi d’interesse potrebbero tornare presto a salire.

In rialzo i titoli del settore Auto & Parts europeo (+0.7% nella settimana), best performer nel 2014 ytd con una performance circa 3 volte superiore all’indice delle blue chips Stoxx 600 (+7.6% vs +2.4% dello Stoxx 600). Guida i rialzi Peugeot dopo i risultati FY13 e l’accordo sull’aumento di capitale che coinvolge lo Stato Francese ed il partner cinese Dongfeng Motors.

Pirelli chiude la settimana sostanzialmente stabile a 12.53€ (-0.6%) con volumi limitati: scambiati in media 1.7 milioni di azioni per seduta, -43% rispetto alla media dell’ultimo mese. Secondo i dati pubblicati da Michelin, l’andamento del mercato tyre di gennaio conferma la ripresa dei volumi nel canale riambio in Europa e la debolezza dell’OE in Brasile. Il target price di consensus si conferma a 12.04€ con il 74% degli analisti che esprime un giudizio positivo sul titolo (Buy+Hold).


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Le principali borse europee chiudono in rialzo la settimana tra il 10 ed il 14 febbraio 2014 (Milano +3.8%, Londra +1.4%, Francoforte +3.9%, Parigi +2.6%), sostenute dalle parole del neo governatore della Federal Reserve, Janet Yellen: continuità nella politica monetaria USA e riduzione del piano di acquisto di bond e titoli di stato se gli indicatori macroeconomici procederanno come previsto. Positive, inoltre, le indicazioni sullo stato dell’economia cinese (crescono oltre le attese import ed export nel mese di gennaio, bilancia commerciale a 31.86$/mld rispetto ai 25.64/mld di dicembre) e l’andamento del Pil nel Q4 2013 di Germania (+0.3% vs attese di +0.1%) e Francia (+0.3% vs +0.2%).

Settore Auto & Parts best performer della settimana (indice settoriale +6.5% vs stoxx 600 +2.5%); Goldman Sachs conferma il giudizio positivo sui titoli del comparto migliorando le stime sulle nuove immatricolazioni in Europa, ora a +6.4%, +5.8% and +3.1% nel periodo 2014-16 (3.2%, 4.7% e 2.9 % le precedenti stime); la preferenza del broker è per i titoli meno esposti alla volatilità dei mercati emergenti. Gli investitori reagiscono positivamente, inoltre, a trimestrali oltre le attese di Renault, Faurecia e Michelin.

Pirelli chiude la settimana in rialzo del 6.5% a 12.61€ dopo aver scambiato 3.2 milioni di azioni in media per seduta. Il titolo beneficia del miglioramento del mood sul comparto tyre in seguito alle indicazioni emerse dalla reporting season FY13: il 2014 dovrebbe essere caratterizzato da moderata crescita dei volumi e da un favorevole rapporto tra price/mix e costo delle materie prime.
Nel report di update settoriale, GS rivede la valutazione sul titolo (Sell, TP 10.6€) per riflettere una maggiore cautela sull’andamento dei tassi di cambio e della domanda in Sud America.
Il target price di consensus si attesta a 12.04€ con il 74% degli analisti che esprime un giudizio positivo sul titolo (Buy+Hold).


Scrivi un commento »

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

I principali indici azionari europei chiudono in rialzo la settimana tra il 3 ed il 7 febbraio 2014 (Milano +1.4%, Londra +0.9%, Francoforte +0.0%, Parigi +1.5%, Madrid +1.5%), caratterizzata da volatilità pronunciata e dalla pubblicazione di contrastanti dati macro. Sorprendono negativamente sia l’attività manifatturiera USA in gennaio (impatto negativo delle condizioni atmosferiche) sia il settore dei servizi cinese, mentre il buon andamento del mercato del lavoro statunitense supporta gli acquisti. Nel meeting di giovedì, inoltre, la BCE ha minimizzato i rischi di deflazione nell’area euro pur mantenendo inalterato il costo del denaro allo 0.25%.

Rialzo in linea con il mercato per i titoli del settore Auto & Parts (indice settoriale +1.1%), in particolare i Premium OEMs tedeschi: buona la performance del mercato auto locale in gennaio (immatricolazioni +7% yoy in Germania, produzione +11% yoy), così come le indicazioni sulle prospettive del 2014 fornite da Daimler a margine della presentazione dei risultati FY 2013.

Il titolo Pirelli chiude la settimana a 11.84€ (-1%) dopo aver scambiato circa 2.8 milioni di azioni in media per seduta (3.3 milioni la media dell’ultimo mese). Il Target Price di consensus si attesta a 12.11€ con circa l’80% degli analisti che esprime un giudizio positivo (Buy+Hold) sul titolo.


Scrivi un commento »


1 - 3 di 4 febbraio, 2014