ARCHIVIO

Investor Channel è il canale di comunicazione tra Pirelli e la comunità finanziaria. Analisti, azionisti e utenti comuni della Rete potranno dialogare in maniera diretta con il Gruppo. Il blog è moderato da Investor Relations di Pirelli.

Share to Facebook Share to Linkedin Share to Twitter More...

PEERS & MARKETS

Le principali borse europee chiudono in leggera flessione la settimana dal 30 settembre al 4 ottobre 2013 (Londra -0.9%, Francoforte -0.4%, Parigi -0.5%). Pesa sulle contrattazioni il protrarsi dello “shutdown” del governo federale USA: in attesa che il parlamento trovi un accordo sul budget e sull’innalzamento dei limiti all’indebitamento rimarranno a casa circa 800,000 lavoratori e cesserà l’erogazione di alcuni servizi. Secondo il presidente della Fed di San Francisco, due settimane di “shutdown” avranno l’impatto di ridurre la crescita economica nel quarto trimestre 2013 di circa 0.25 punti percentuali.
In controtendenza la borsa di Milano (FTSEMIB +3.7%) che beneficia dell’esito positivo del voto di fiducia al governo in carica.

In linea con il mercato i titoli del settore Auto & Parts (indice settoriale -1.2%, Blue Chips Europee Stoxx 600 -0.7%). Sovraperformano il comparto i produttori di veicoli maggiormente esposti al mercato europeo, grazie agli incoraggianti dati di vendita del mese di settembre: +5.9% yoy il risultato dei 5 principali mercati (Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Spagna). Chiusura negativa per i titoli del comparto tyre europeo dopo le indicazioni provenienti da Nokian e Michelin: ridotte le aspettative, rispettivamente, sul mercato tyre russo per la rimanente parte del 2013, e sul mining tyre per gli anni 2014 e 2015.

Pirelli chiude la settimana a 9.67€ (-1.9%) dopo aver scambiato in media 2.1 milioni di azioni in media per seduta.
Pubblicati oggi due report di update sul titolo; per Mediobanca (upgrade ad Outperform, TP +3.2€ a 12€) la strategia Pirelli per i prossimi 5 anni si baserà su un’ulteriore focalizzazione sul segmento Premium insieme a maggiori sforzi volti alla riduzione dei costi ed alla gestione efficiente dei flussi di cassa; revisione al rialzo della valutazione anche per Bank of America (Buy, TP +1.1€ a 11.8€), principalmente grazie all’aggiornamento dei multipli valutativi sul settore (Ev/Ebitda da 5.4x a 5.6x). Il Target Price di consensus si attesta dunque a 10.3€ con l’82% degli analisti che esprime una view positiva (Buy+Hold) sul titolo.


Scrivi un commento »


1 news lunedì, ottobre 7th, 2013